Litis.it » Diritto & Attualità a cura dell'Avv. Marco Martini

L’anomalia motivazionale ricorribile per cassazione è solo quella che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante

Cassazione Civile, Sezioni Unite, Sentenza n. 471 del 14/01/2015

-

Il legislatore del 2012 ha riformulato il n. 5) dell’art. 360 cod. proc. civ., riferendolo all’«omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti», ritornando, quasi letteralmente, al testo originario del codice di rito del 1940, che prevedeva quale motivo di ricorso in cassazione, l’«omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti». Appare immediatamente evidente che l’unica differenza testuale è l’utilizzo della preposizione “circa” da parte del legislatore del 2012, rispetto all’utilizzo della preposizione “di” da parte del legislatore del 1940: ma è una “differenza testuale” irrilevante, trattandosi, dell’uso di una forma linguistica scorretta (un solecismo, come talvolta suoi dirsi), che non ha forza di mutare in nulla il senso della disposizione del codice di rito del 2012, rispetto alla disposizione del codice di rito del 1940.

(altro…)

Visualizzazioni: (85)

Sindacato della Corte di cassazione sulle decisioni del Consiglio di Stato

Cassazione Civile, Sezioni Unite, Sentenza 199 del 12/01/015

Il sindacato della Corte di cassazione sulle decisioni del Consiglio di Stato è circoscritto all’osservanza dei limiti esterni della giurisdizione, per cui possono essere denunciati solo vizi attinenti all’esistenza stessa della giurisdizione (come quando il Consiglio di Stato abbia esercitato la propria giurisdizione nella sfera riservata al legislatore o alla discrezionalità amministrativa, oppure, al contrario, quando abbia negato la propria giurisdizione sull’erroneo presupposto che la materia non possa formare oggetto in modo assoluto di funzione giurisdizionale) ovvero vizi riguardanti i limiti della giurisdizione (come quando il Consiglio di stato abbia giudicato su materia attribuita alla giurisdizione ordinaria o ad altra giurisdizione speciale), ma non anche i vizi attinenti al modo di esercizio della giurisdizione (quali quelli inerenti ai presupposti processuali e alle condizioni dell’azione, alla sufficienza e logicità della motivazione della decisione, alla valutazione delle situazioni di illegittimità denunciate, all’interpretazione di atti amministrativi, all’accertamento della loro definitività). (Cass sez .un. 2667/97; Cass sez.un.11226/02;Cass sez un 11091/03;Cass sez un 5179/04;Cass sez un 7799/05;Cass sez un 29348/08; Cass sez un 9687/13; Cass sez un.8993/14).

(altro…)

Visualizzazioni: (54)

Inaugurazione dell’anno giudiziario in Cassazione

Carceri: Presidente Cassazione, indulto unica soluzioneInaugurazione dell’anno giudiziario in Cassazione. Il primo presidente Giorgio Santacroce apre la relazione con un ‘grazie’ a Napolitano per i 9 anni di “impegno straordinario” come “autorevole e apprezzato” “custode delle istituzioni repubblicane” e della Costituzione, con l’augurio di “riprendere meritatamente la propria vita”.

La magistratura dopo ‘Mani pulite’ ha iniziato “una parabola discendente”, con la “disaffezione” dei cittadini per le “credenziali mortificanti” che esibisce, come i processi lumaca e il degrado delle carceri, ma a questa crisi di fiducia concorrono anche le “frequenti tensioni e polemiche” soprattutto tra pm e “forme di protagonismo, cadute di stile e improprie esposizioni mediatiche”, sottolinea Santacroce riferendosi anche allo scontro Bruti-Robledo in atto alla Procura di Milano.

(altro…)

Visualizzazioni: (72)

La rilevanza della contabilità parallela ai fini dell’effettivo giro d’affari dell’azienda

incentiviLa Cassazione, con l’ordinanza 177 del 9 gennaio 2015, torna a pronunciarsi sulla valenza probatoria della “contabilità in nero”, ribadendo quanto costantemente affermato circa la possibilità, per l’Amministrazione finanziaria, di procedere ad accertamento induttivo, ai sensi dell’articolo 39 del Dpr 600/1973, senza che debbano ricorrere ulteriori elementi, con inversione dell’onere probatorio a carico del contribuente. In altri termini, secondo la Corte suprema, è sufficiente che dalla contabilità parallela emergano, in termini quantitativi o monetari, i singoli atti d’impresa ovvero la situazione patrimoniale e il risultato economico dell’attività svolta.
(altro…)

Visualizzazioni: (66)

Minorenni. Al Collegio il giudizio abbreviato instaurato a seguito di giudizio immediato – Corte Cost. Sentenza 1/2015

auladichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 458 del codice di procedura penale e dell’art. 1, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 22 settembre 1988, n. 448 (Approvazione delle disposizioni sul processo penale a carico di imputati minorenni), nella parte in cui prevedono che, nel processo minorile, nel caso di giudizio abbreviato richiesto dall’imputato in seguito a un decreto di giudizio immediato, la composizione dell’organo giudicante sia quella monocratica del giudice per le indagini preliminari e non quella collegiale prevista dall’art. 50-bis, comma 2, del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12 (Ordinamento giudiziario).

(altro…)

Visualizzazioni: (87)

Nulla la decisione di secondo grado carente dell’illustrazione delle critiche dell’appellante

240-spongeÈ nulla la decisione di secondo grado carente dell’illustrazione delle critiche mosse dall’appellante alla statuizione di primo grado e delle considerazioni che hanno indotto la Commissione tributaria regionale a disattenderle e che si sia limitata a motivare per relationem alla sentenza impugnata mediante la mera adesione ad essa.
È quanto precisato Corte di cassazione, con l’ordinanza n. 242 del 12 gennaio 2015.
(altro…)

Visualizzazioni: (81)

Ecobonus e ristrutturazioni. Le novità della legge di stabilità 2015

fotoTutte le novità sulle detrazioni del 65 e del 50% sono illustrate nelle pubblicazioni che l’Agenzia dedica alle agevolazioni fiscali sui lavori di riqualificazione energetica e di recupero del patrimonio edilizio.
Le agevolazioni fiscali sul risparmio energetico” e “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali”, i titoli delle due guide, già disponibili nella sezione del sito “L’Agenzia informa”, che sono state rivisitate per accogliere, in particolare, le ultime disposizioni introdotte dalla legge di stabilità 2015.

Visualizzazioni: (69)

La corruzione e la legge 190/2012. Priorità all’azione di prevenzione (2)

anticorruzionel fenomeno può essere classificato in funzione del comportamento del soggetto pubblico coinvolto, con riguardo alla dimensione dell’episodio e da un punto di vista penalistico

-

Le misure da attuare per contrastare la corruzione sono innanzitutto rappresentate da un affinamento, in una logica di deterrenza, del quadro normativo, unitamente a una concreta azione di prevenzione attraverso lo sviluppo del senso civico. Nel secondo appuntamento dell’approfondimento: eziologia del fenomeno e classificazione della corruzione.
(altro…)

Visualizzazioni: (67)

Valido l’avviso di accertamento basato su indagini della Gdf che opera fuori dai confini di competenza dell’ufficio tributario

gabbianiLa Corte di cassazione, con ordinanza 8 gennaio 2015, n. 90, ha affermato, in tema di ispezioni fiscali, il rilevante principio secondo cui è valido ed efficace l’accertamento conseguente alla verifica effettuata da organi della Guardia di finanza non competenti per territorio. Ciò perché gli accessi, le ispezioni o le verifiche, che il Corpo esegue in collaborazione con gli uffici tributari, non sono soggetti alle delimitazioni di competenza territoriale posti per gli organi dell’Amministrazione finanziaria, pertanto sono utilizzabili a fini fiscali ancorché provengano da reparti di stanza in località diverse dalla sede dell’ufficio competente sul rapporto d’imposta.

Visualizzazioni: (85)

Impronta dell’archivio informatico: non c’è più obbligo di comunicazione

L’adempimento è completamente abrogato, anche in relazione ai documenti fiscali conservati prima dell’entrata in vigore del decreto ministeriale del 17 giugno 2014

-

improntaNon è più necessario procedere all’invio dell’impronta dell’archivio informatico per estendere la validità dei documenti informatici conservati prima dell’entrata in vigore del decreto ministeriale 17 giugno 2014 (“Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto – articolo 21, comma 5, del decreto legislativo n. 82/2005”).
Questa la conclusione cui giunge l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 4/E del 19 gennaio 2015, in merito alla corretta interpretazione dell’articolo 7, comma 3, del Dm.
(altro…)

Visualizzazioni: (86)

Torna all'inizio