Non punibilità per particolare tenuità del fatto inapplicabile dinanzi al giudice di pace

Corte Costituzionale, Sentenza n. 120/2019 del 03/04/2019

Il Tribunale ordinario di Catania, con ordinanza del 6 marzo 2018, ha sollevato, in riferimento all’art. 3 della Costituzione, questione di legittimità costituzionale dell’art. 131-bis del codice penale, nella parte in cui tale disposizione non è applicabile ai reati rientranti nella competenza del giudice di pace ai sensi dell’art. 4 del decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274 (Disposizioni sulla competenza penale del giudice di pace, a norma dell’articolo 14 della legge 24 novembre 1999, n. 468). (altro…)

Definizione delle liti tributarie: nuovi chiarimenti dell’Agenzia

Le ulteriori precisazioni si riferiscono a diversi aspetti della procedura e sono state sollecitate dai quesiti formulati da uffici territoriali e associazioni di categoria

Definizione agevolata delle controversie pendenti ancora sotto la lente d’ingrandimento dell’Agenzia delle entrate: dopo la n. 6/2019, pubblicata lo scorso 1° aprile, con una nuova circolare (la n. 10/2019), infatti, l’Amministrazione fornisce ulteriori chiarimenti sulla procedura di regolarizzazione prevista dall’articolo 6, Dl 119/2018. (altro…)

Video-Lettera aperta al Garante sul Leak di Visura.it e dell’Ordine degli Avvocati di Roma

Vedi, caro Garante, nel leak di Anonymous Italia del 7 Maggio c’è tutta l’ignoranza di un Ordine che pensa di essere sopra l’impunità..

(altro…)

Notifica Pec: Copia sentenza senza conformità: in Cassazione il ricorso è procedibile

Le sezioni unite sono di nuovo intervenute sulla questione della sanzione dell’“impresentabilità” in caso di notifiche Pec, seguite dal deposito del duplicato analogico della pronuncia impugnata

Non determina l’improcedibilità del ricorso per cassazione il deposito “senza alcuna attestazione di conformità”:
– in caso di mancata notifica della sentenza di secondo grado, di copia della sentenza impugnata estratta dal fascicolo informatico
– in caso di notifica telematica della sentenza di secondo grado, di copia del messaggio Pec ricevuto e dei relativi allegati (tra cui, la sentenza impugnata).
(altro…)

Diritto alla bigenitorialità: no a restrizioni supplementari senza un’adeguata motivazione

Commento a Cassazione Civile, Sezione Prima, Ordinanza n. 9674 dell’8 Aprile 2019 a cura dell’Avv. Maria Elisa Ventriglia

La Corte di Cassazione con l’ordinanza del 8 aprile 2019 n. 9764, ribadendo quanto stabilito in numerose altre decisioni, ha affermato che, quando i genitori si lasciano, il figlio minore ha diritto di godere dell’apporto di entrambi, cristallizzando, ancora una volta, il c.d. “diritto alla bigenitorialita’ ” .

(altro…)

Omessi versamenti Iva: il ruolo spiana la strada al concordato

La procedura, contenuta nella legge fallimentare, costituisce causa di fondato pericolo per la riscossione, consentendo all’Amministrazione finanziaria di emettere la cartella di pagamento (Cassazione Civile, Sezione Quinta, Ordinanza 9441/2019 del 4 aprile 2019)

(altro…)

Bigenitorialità elemento essenziale non compromettibile dal giudice senza adeguata motivazione

In caso di affidamento condiviso la bigenitorialità è un elemento essenziale che non può essere compromesso dal giudice senza una adeguata motivazione. E’ questo il principio di diritto espresso dalla Suprema Corte nella Ordinanza n. 9674 dell’8 Aprile 2019, qui leggibile integralmente nell’allegato in formato pdf.

 

(altro…)

La notifica a mezzo pec si perfeziona sempre al momento della generazione della ricevuta di accettazione, anche se dopo le ore 21

La Corte Costituzionale con la sentenza n. 75/2019 del 19/03/2019 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 16-septies del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (Ulteriori misure urgenti per la crescita del paese), convertito, con modificazioni, nella legge 17 dicembre 2012, n. 221, inserito dall’art. 45-bis, comma 2, lettera b), del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari), convertito, con modificazioni, nella legge 11 agosto 2014, n. 114, nella parte in cui prevede che la notifica eseguita con modalità telematiche la cui ricevuta di accettazione è generata dopo le ore 21 ed entro le ore 24 si perfeziona per il notificante alle ore 7 del giorno successivo, anziché al momento di generazione della predetta ricevuta.

(altro…)

Caso Cucchi, il teste chiave chiede scusa alla famiglia. E racconta la morte di Stefano

In aula, per la prima volta dopo anni, anche i genitori del geometra ucciso nel 2009. La sorella Ilaria: “Stato e Carabinieri lesi come noi”

——

 ROMA – “Siamo nel processo giusto e, dopo anni in cui la famiglia Cucchi e’ stata abbandonata, lo Stato e’ al nostro fianco, anzi al fianco della verita’”. Commenta così Ilaria Cucchi la svolta nel processo, con l’Arma pronta a costituirsi parte civile contro i carabinieri, a margine della deposizione oggi in Aula davanti alla prima Corte d’assise di Roma di Francesco Tedesco, il militare super teste e imputato per omicidio preterintenzionale che ha accusato i colleghi (coimputati) nel processo per la morte di Stefano Cucchi. (altro…)

La cartella di pagamento non rientra nella definizione delle liti pendenti

In particolare, quella emessa per omesso o carente versamento a seguito di controllo automatizzato della dichiarazione, senza alcuna autonomia e discrezionalità da parte dell’amministrazione

————
In una fattispecie relativa all’impugnazione, per vizi propri, di una cartella di pagamento emessa ai sensi dell’articolo 36-bis del Dpr 600/1973, la Corte di cassazione, con l’ordinanza n. 7099 del 13 marzo 2019, ha rigettato l’istanza di sospensione del processo formulata dal contribuente (articolo 6, Dl 119/2018), chiarendo che la cartella di pagamento non costituisce un “atto impositivo” in senso stretto.

(altro…)

Torna all'inizio