CASERTA, 17 DIC – Beni mobili e immobili (società e conti correnti bancari, anche in Lussemburgo), per 30 milioni di euro, sono stati sequestrati dai carabinieri di Caserta a dieci indagati finiti agli arresti domiciliari. Tra i destinatari delle ordinanze emesse su richiesta della Dda c’è anche Angelo Grillo, imprenditore del settore delle pulizie ritenuto vicino al clan Belforte dei Marcianise. Agli indagati viene contestato il reato di intestazione fittizia di Beni di Grillo per favorire il clan.