Litis.it » Diritto & Attualità a cura dell'Avv. Marco Martini

La separazione dall’ex coniuge non giustifica l’omesso spostamento

Ci sono diciotto mesi di tempo, dall’acquisto dell’immobile, per portare la residenza nel comune dove esso è situato, fatta salva una causa ostativa di forza maggiore

accord-ny-house-movingIl contribuente perde i benefici prima casa nell’ipotesi di mancato trasferimento della residenza nel comune di ubicazione dell’immobile entro il termine di diciotto mesi dall’acquisto. Alcuna rilevanza assumono l’intervenuta separazione consensuale e l’accordo sull’immobile, non configurabili quali cause di forza maggiore esonerative dall’obbligo legale di trasferimento della residenza.
È quanto si desume dall’ordinanza n. 16082 del 14 luglio 2014 della Cassazione tributaria.

(altro…)

Visualizzazioni: (17)

Il concetto giuridico di opera pertinenziale

Nota a T.A.R. Toscana, Firenze, Sez. III, sentenza n. 1013 del 09.06.2014 di Daniele Tramutoli

downloadOggetto del recentissimo pronunciamento in esame è un’ordinanza con la quale l’amministrazione comunale resistente ingiunge la demolizione di tutte le opere abusive realizzate dal ricorrente in qualità di proprietario di un supermercato, con il conseguente ripristino dello stato dei luoghi.

(altro…)

Visualizzazioni: (147)

Novità introdotte in tema di processo civile telematico dal D.L. 90 del 24/06/2014

processo_telematicoPubblichiamo un breve commento, nonchè il testo integrale del DL 90/2014, sulle importanti novità anche in tema di processo telematico in vigore dal 25 giugno 2014

(altro…)

Visualizzazioni: (231)

Rettifica del sesso. La sentenza 170/2014 della Corte Costituzionale: un nuovo monito per il legislatore

Articolo di Mariabice Schiavi

downloadLa Corte di Cassazione, chiamata a confrontarsi con gli effetti che la pronuncia di rettificazione di attribuzione di sesso produce su un vincolo coniugale preesistente, ha sollevato la questione di legittimità costituzionale dell’art. 4 della legge 164/1982 nella parte in cui dispone che la sentenza di rettificazione di attribuzione di sesso provoca l’automatica cessazione degli effetti civili del matrimonio.

(altro…)

Visualizzazioni: (128)

Il rinnovo del permesso di soggiorno secondo la Corte Costituzionale e il Consiglio di Stato: una valutazione complessa

Nota a Cons. Stato, Sez. III, Sentenza n. 2694 del 26.05.2014 di Daniele Tramutoli

permesso_soggiornoAttraverso questa recentissima sentenza la Sez. III del Consiglio di Stato puntualizza l’ambito operativo – e i relativi presupposti di applicazione – della normativa in materia di immigrazione di cui al D.lgs. n. 286/1998 (c.d. “T.U. Immigrazione”), con specifico riferimento alla tematica dell’istanza di rilascio e/o rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.

(altro…)

Visualizzazioni: (214)

Nessun obbligo di possedere un POS in studio: il Ministero dell’Economia conferma la posizione del Consiglio Nazionale Forense

posNella risposta a interrogazione parlamentare 5-02936 ( On. Causi: Problematiche relative all’obbligo per i soggetti che esercitano attività di vendita di prodotti e di prestazioni di servizi di accettare pagamenti effettuati attraverso carte di debito), presentata ieri in commissione Finanze della Camera dei deputati, il Ministero dell’Economia ha confermato l’interpretazione relativa all’articolo 15 del decreto legge Crescita, fornita dal Consiglio Nazionale Forense con Circ. 10-C-2014: pagamenti tramite POS; precisazioni in merito all’art. 15, comma 4, DL. N. 179/2012.

(altro…)

Visualizzazioni: (330)

Processo civile telematico, con una lettera al CNF il Ministro Orlando illustra i prossimi passi

Obbligatorietà della procedura telematica per l’intero procedimento monitorio e del deposito degli atti endo-processuali per le cause instaurate a partire dal 30 giugno. In arrivo modifiche tecnico-normative per un avvio del PCT più garantito

notificazioni_pecUn ringraziamento “per la forte e convinta adesione alla iniziativa del Tavolo Permanente per l’attuazione del Processo civile telematico e per la ricchezza dei contributi offerti”. 
E una illustrazione dettagliata dei passi che dal 30 giugno in poi verranno compiuti verso la piena attuazione del Processo civile telematico tenendo conto della situazione degli uffici giudiziari. 

(altro…)

Visualizzazioni: (210)

Il ricorso per revocazione nel processo amministrativo: un vero e proprio “buco della serratura”

Nota a Cons. Stato, Sez. III, Sentenza n. 2596 del 20.05.2014 a cura dell’Avv. Daniele Tramutoli

177809Con riferimento all’istituto processuale “straordinario” della revocazione (cfr. artt. 395 e ss. del codice di procedura civile, nonché artt. 106 e 107 del Codice del Processo Amministrativo) il Consiglio di Stato conferma in pieno – all’interno di questa recentissima pronuncia – il granitico orientamento giurisprudenziale che limita – all’interno del sistema di giustizia amministrativa – il sopradetto mezzo d’impugnazione a casi del tutto eccezionali, in ottemperanza al (tanto auspicato!) principio della certezza del diritto.

(altro…)

Visualizzazioni: (261)

La gloria di colui che tutto move per l’universo penetra – Corte di Giustizia Sentenza 13/05/2014

Fondati dubbi sulla Corte di Giustizia, convinta dell’ onnipotenza del provider, motore di ricerca – Con il commento di Maurizio De Giorgi

googleAll’inizio del 1998, un giornale ad ampia diffusione in Spagna ha pubblicato nell’edizione cartacea due annunci riguardanti un’asta immobiliare collegata ad un procedimento esecutivo derivante da debiti contratti con il sistema previdenziale. Una persona era menzionata quale proprietaria degli immobili. Successivamente, l’editore aveva pubblicato la versione elettronica del giornale.

(altro…)

Visualizzazioni: (170)

Violazione di divieti relativi alla durata massima dell’orario di lavoro – Corte Costituzionale Sentenza 153/2014

orario_lavorodichiara l’illegittimità costituzionale dell’art. 18-bis, commi 3 e 4, del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66 (Attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE concernenti taluni aspetti dell’organizzazione dell’orario di lavoro), nel testo introdotto dall’art. 1, comma 1, lettera f), del decreto legislativo 19 luglio 2004, n. 213 (Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66, in materia di apparato sanzionatorio dell’orario di lavoro).

Corte Costituzionale Sentenza N.153 del 04/06/2014

(altro…)

Visualizzazioni: (285)

Torna all'inizio