Dottrina

Il Processo Penale Minorile

Il processo penale a carico dei minorenni è retto da regole del tutto particolari, dettate dall’esigenza di tutelare l’imputato minorenne, soggetto considerato da “recuperare” più che da “punire”.

Si tratta di un rito del tutto specializzato e modellato sulla figura del minorenne, con misure processuali di vantaggio per lo stesso (possibilità di concessione dell’istituto del perdono giudiziale o dell’irrilevanza del fatto già dall’udienza preliminare, limitazione dei casi di privazione della libertà personale del minorenne quale misura cautelare). (altro…)

La CMS va inclusa nel TEG? La Cassazione N. 12965/2016 divide i Tribunali

La Cassazione accoglie il principio di omogeneità con Bankitalia (sentenza 12965/2016) ma subito dopo (sentenza 8806/2017) si rettifica anteponendo il principio di onnicomprensività dell’art. 644 c.p – Articolo dell’Avvocato Jessica Chiavari

La rilevanza della commissione di massimo scoperto ai fini della verifica del rispetto del tasso soglia usurario rappresenta una tematica che ha generato non poche discussioni in materia bancaria1. La questione è stata analizzata dai giudici di legittimità e dalla giurisprudenza di merito dando luogo a pronunce spesso contrastanti tra loro.

(altro…)

Caso Léger. Il principio di proporzionalità in materia di donazioni di sangue

I parametri di armonizzazione della Corte di giustizia nel caso Léger per la gestione condivisa della “health governance”

Articolo di Anna Oriolo*

Introduzione.

Il principio di proporzionalità costituisce “lo spartiacque” tra le competenze delle istituzioni europee e quelle che restano nell’ambito degli Stati membri (1). Sebbene il concetto giuridico di proporzionalità sia stato riconosciuto quale principio generale del diritto comunitario (come, oggi, dell’Unione) dalla Corte di giustizia già nel 1950, esso è stato codificato solo nel 1992 con il Trattato di Maastricht (2). (altro…)

Fondi di investimento Pegasus Royal e Gold. Come ottenere il rimborso e profili di responsabilità della banca depositaria

Articolo dell’Avv. Elena Pompeo.

***

Come noto i Fondi di investimento Pegasus dal 2015 non vengono più rimborsati ed i poveri clienti malcapitati, i quali hanno investito cifre di rilevante importo, faranno fatica a recuperare anche solo una loro parte.

Questo tipo di Fondi, offerti ai risparmiatori professionali per soluzioni di investimento, erano collocati dalla società inglese Lux Finance Ltd, oggi in liquidazione, che non risulta avere più alcun referente in Italia. (altro…)

Effetti giuridici della cancellazione di una società dal registro delle imprese in pendenza di giudizio

cancellazione

Nota a Cassazione. Civile. Sentenza n. 15782/2016

Dopo la riforma del diritto societario attuato dal Decreto Legislativo n. 6 del 2003, qualora alla estinzione della società, sia questa di persone oppure di capitali, conseguente alla cancellazione dal registro delle imprese, non corrisponde il venir meno di ogni rapporto giuridico facente capo alla società estinta, si determina un fenomeno di tipo successorio in virtù del quale: (altro…)

Video Corso di Diritto Bancario – Anatocismo e Conto Corrente – Visualizzazione gratuita

foroeu

La conferenza è stata organizzata da Foro Europeo, rivista giuridica online diretta dall’Avv. Domenico Condello, Relatore Roberto Di Napoli – Avvocato del Foro di Roma. Autore di: Anatocismo bancario e vizi nei contratti, V edizione, Maggioli Editore, 2015- L’usura nel contenzioso bancario, Maggioli Editore, Luglio 2014 – Anatocismo e vizi nei contratti bancari, IV edizione, 2013 … – Coordina Avv. Domenico Condello Direttore rivista Foroeuropeo

(altro…)

Termini di notifica certi e univoci anche se il plico giace alla Posta

buste_plichiLa “scissione temporale” degli effetti non implica lo slittamento del perfezionamento della procedura per il destinatario rispetto ai limiti stabiliti dal legislatore tributario

In caso di notificazione a mezzo del servizio postale, laddove l’atto non possa essere materialmente recapitato, per temporanea assenza del destinatario o per mancanza, inidoneità, assenza di altri legittimi consegnatari, la notifica si ha comunque per eseguita trascorsi dieci giorni dalla data di spedizione della raccomandata con cui si dà notizia all’interessato della giacenza dell’atto.

(altro…)

Attuazione della riforma fiscale: il nuovo sistema sanzionatorio (2)

shutterstock_212165851-e1416473282412È stato introdotto il concetto di ultra-tardività della dichiarazione presentata dal sostituto d’imposta, con penalità pari alla metà di quella ordinaria prevista per l’omissione totale

***

Nel revisionare il sistema sanzionatorio amministrativo secondo criteri di predeterminazione e proporzionalità, il decreto attuativo della delega conferita al Governo con legge 23/2014 ha apportato rilevanti modifiche alle fattispecie di omessa e infedele dichiarazione ai fini delle imposte dirette (vedi la parte 1 di questo approfondimento) , ai fini Iva e ai fini delle violazioni commesse dal sostituto d’imposta (di cui, rispettivamente, agli articoli 1, 5 e 2 del Dlgs 471/1997). In particolare, l’articolo 15 del decreto, comma 1, lettere b) ha apportato interventi puntuali alla disciplina delle violazioni relative alla dichiarazione dei sostituti d’imposta.
(altro…)

Attuazione della riforma fiscale: il nuovo sistema sanzionatorio (1)

regoleesanzioni_2Panoramica sulle principali modifiche che interessano due importanti fattispecie: l’omessa presentazione della dichiarazione e l’infedele dichiarazione ai fini delle imposte dirette

***

(altro…)

L’opposizione della società fallita non rimette “in corsa” il curatore

ripartenzaÈ a quest’ultimo, infatti, che rimangono saldamente ancorati i termini per l’impugnazione della pretesa tributaria, nonostante l’atto sia stato poi notificato anche all’impresa

***

Con la sentenza 404 del 10 giugno 2015, la Commissione tributaria provinciale di Savona si è pronunciata riguardo a una materia poco trattata ma, comunque, caratterizzata da un indirizzo uniforme in Cassazione (cfr, per tutte, Cassazione, decisione 14987/2000), e cioè al rapporto tra la legittimazione processuale del curatore fallimentare e quella del soggetto fallito.
(altro…)