Privacy violata. Le chat private su Facebook appaiono in bacheca

Un ‘bug’ o un errore nel sistema di sicurezza? E’ successo oggi su Facebook dove gli utenti si sono visti pubblicare sul loro profilo, e quindi accessibili a tutti gli ‘amici’, i contenuti di conversazioni private chat di qualche anno fa. A scoprirlo e’ stato il giornale Metro che ha constatato che dopo le 14.30 conversazioni datate 2007, 2008 e 2009, destinate a rimanere tra due persone, sono misteriosamente apparse online, mescolate alla discussione pubblica che avviene nella cosiddetta ‘bacheca’, violando di fatto il diritto alla riservatezza degli inconsapevoli utenti.

Facebook, successivamente contattato da Le Figaro, che ha anch’esso rilevato il problema, ha risposto di aver allertato i tecnici per verificare se si tratti di un virus o solo di un errore.

“Nessuna violazione di privacy: i messaggi “privati” del 2007-2008-2009 erano da sempre visibili sulle pagine degli utenti”. Cosi’ Facebook ha allontanato le ipotesi di un baco o di un problema tecnico che avesse portato alla luce vecchie ‘chat’ private, in genere visibili solo a due persone, pubblicandole sulla bacheca degli utenti, visibile da tutti gli ‘amici’ di Facebook. Le chat in questione, erano apparse dopo le 14.30 ed erano state notate non solo da Metro ma anche da altri giornali come Le Figaro che avevano immediatamente pubblicato la notizia suggerendo anche agli utenti colpiti dal misterioso fenomeno come fare per ‘cancellare’ le conversazioni dal sito.

Restano comunque i dubbi sui sistemi di sicurezza adottati da Facebook per tutelare la privacy degli utenti. Peraltro, le strategie marketing del Colosso puntano sempre più su una maggiore condivisione e diffusione delle informazioni private.

Come sempre, la raccomandazione migliore è quella di essere noi stessi i primi garanti della privacy. Ricordiamoci che ogni modifica di stato, foto e quant’altro potranno essere usate… contro di noi!


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *