Blitz della Gdf nei compro oro, sequestrati beni per 163 milioni

Compro oro nel mirino del fisco: le fiamme gialle hanno effettuato questa mattina oltre 250 perquisizioni in tutta Italia e sequestrato beni per 163 milioni di euro. Centodiciotto persone sono indagate, a vario titolo, per associazione a delinquere, riciclaggio e reinvestimento di proventi illeciti, ricettazione, esercizio abusivo del commercio di oro e frode fiscale.

Con l’inchiesta, coordinata dalla procura di Arezzo, i finanzieri hanno ricostruito scambi di oro e denaro sporco gestiti da un gruppo criminale soltanto in questo anno per un volume ricostruito finora pari a 4.500 kg di oro e 11.000 kg di argento. L’associazione criminale, a struttura piramidale, aveva il suo vertice in Svizzera e si muoveva con i “bracci operativi” di più capi-area, che agivano come “referenti” sui territori dei distretti orafi di Arezzo, Marcianise (Caserta) e Valenza (Alessandria), ai fini della raccolta di oro acquistato dagli “agenti intermediari” in contatto con una fitta rete di negozi compro oro ed operatori del settore, che stavano alla base della filiera dei traffici di oro di provenienza illecita.

E’ un vero e proprio boom quello dei compro oro in Italia, spuntati come funghi prendendo il posto di realtà commerciali tradizionali. Crisi economica da un lato e quotazioni record dell’oro dall’altro sono all’origine di questo fenomeno commerciale, che sociologi ed economisti interpretano come il segnale della crisi italiana in cui paura e insicurezza si sono andate a sommare alle crescenti difficoltà nel far quadrare i conti domestici.

Un Compro oro, secondo quanto riferito da alcuni operatori del settore a TMNews, può guadagnare oltre 300.000 euro all’anno, soprattutto in questo periodo di escalation del prezzo del metallo giallo. A favorire i rincari è il clima di incertezza a livello mondiale che ha rilanciato l’oro come il classico dei beni rifugio. Improvvisarsi Compro oro non è difficile, basta una licenza amministrativa rilasciata dalla questura e un investimento iniziale modesto, di neanche tre mila euro.

I Compro oro acquistano oggetti preziosi usati da privati, per poi rivenderli, generalmente a grossisti e fonderie. Di solito sono organizzati in reti di franchising e alcuni lavorano su internet. Non c’è un prezzo fisso di acquisto, il mercato dell’oro è fluttuante, e il valore determinato dalla quotazione mondiale, dal tipo di quartiere in cui si trova il negozio, dalla concorrenza, per cui si può contrattare, e dal numero di abitanti. Il meccanismo è semplice: un cliente porta in gioielleria l’oro di cui vuole disfarsi, questo viene pesato e valutato. Poi, dopo aver registrato le generalità del venditore sul “Libro delle antichità preziosi e beni usati”, c’è una giacenza di dieci giorni a disposizione dell’autorità giudiziaria che deve accertare se l’oro proviene da una refurtiva o da una famiglia. Verificato che si tratta di materiale “pulito” viene fuso e non dovrebbe essere commercializzato.

Fonte: TMNews


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *