Donna uccisa a coltellate nel Napoletano Il marito la porta in ospedale: ci hanno rapinato

La foto su Facebook di Antonella

Una donna, Antonetta Paparo, 36 anni, è stata uccisa a coltellate nel Napoletano. A portarla in ospedale, ormai priva di vita, è stato il marito, Pasquale Iamone, 38 anni. Secondo quanto riferito dall’uomo alla polizia, la moglie sarebbe stata uccisa per aver reagito ad una rapina. I coniugi, sempre secondo quanto detto dal marito, si erano appartatati in una zona isolata a San Sebastiano al Vesuvio e lì sono stati avvicinati da due rapinatori.

La donna ha reagito ed è stata uccisa. L’uomo non ha alcuna ferita e la sua versione è al momento al vaglio degli inquirenti. Entrambi i coniugi sono di Cercola (Napoli).

Come ha raccontato il 38enne alla polizia, a bordo della loro vettura i due si erano appartati in località Capriccio quando sono stati sorpresi dai banditi. L’uomo avrebbe reagito e la moglie lo avrebbe aiutato venendo colpita da tre coltellate, una al petto e due al braccio sinistro. Mentre i malviventi si allontanavano Pasquale Iamone si è diretto velocemente al pronto soccorso di Villa Betania dove la donna è giunta cadavere.

Sempre secondo quanto da lui raccontato, ci sarebbe anche un bimbo, il loro figlio, rimasto a casa. Sopralluoghi sono in corso nella località indicata come luogo del delitto. Al momento l’arma, un coltello, non è stata ritrovata. In commissariato, invece, resta Pasquale Iamone per cercare di ricostruire nei dettagli cosa sia successo. A San Sebastiano al Vesuvio c’è incredulità. L’ultimo delitto che scosse il comune del Napoletano, risale al 2003.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *