Novantenne uccisa, arrestata la figlia indebitata col Videopoker

carabinieri_autoMaria Cristina Filippini, piacentina di 48 anni, è stata arrestata nella notte dai carabinieri del Nucleo investigativo di Piacenza con l’accusa di aver ucciso la madre novantenne, Giuliana Bocenti, il 4 febbraio a Castel San Giovanni. All’origine dell’omicidio – oltre a un rapporto conflittuale per vicende personali – ci sarebbero stati soprattutto i debiti che la figlia della vittima aveva contratto negli ultimi anni a causa della mania per il gioco d’azzardo con i videopoker.

Maria Cristina Filippini avrebbe anche ammesso di aver rubato alla madre, dopo averla soffocata al termine di una colluttazione, una catena d’oro che l’anziana portava al collo, per poi andarla a rivendere immediatamente in un negozio ‘Compro oro’. Avrebbe inoltre ammesso di aver messo a soqquadro l’appartamento per depistare le indagini e inscenare una rapina. Il corpo senza vita di Giuliana Bocenti era stato ritrovato nel letto della sua abitazione, in via Mameli: l’anziana era stata soffocata con un fazzoletto per tapparle la bocca e un cuscino sul volto. La casa era stata trovata a soqquadro e la porta di casa aperta senza segni di effrazione.

A meno di una settimana di distanza i carabinieri comandati dal capitano Rocco Papaleo hanno raccolto una serie di prove davanti alle quali la figlia della vittima è crollata, confessando l’omicidio. Il tutto al termine di un estenuante interrogatorio iniziato ieri sera nella caserma di viale Beverora e terminato, a notte fonda, con una piena confessione davanti al sostituto procuratore di Piacenza Emilio Pisante che ha coordinato le indagini.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *