Unicef, l’Italia e’ agli ultimi posti per benessere dei bimbi

hqdefaultL’Italia occupa il 22.mo posto su 29 Paesi nel Rapporto dell’Unicef sul benessere dei bambini nei Paesi avanzati, ponendosi alle spalle di Spagna, Ungheria e Polonia ma prima di Estonia, Slovacchia e Grecia. Si trova nella terza fascia piu’ bassa della classifica sulla poverta’ infantile relativa, ha il piu’ alto tasso di ‘Neet’ di tutti i Paesi industrializzati, dopo la Spagna, ma il piu’ basso tasso di bullismo. Occupa il 24.mo posto per risultati scolastici ma e’ pari alla Norvegia per tasso di iscrizioni prescolari.

La tabella classifica 29 Paesi sviluppati, basandosi sulla media di 5 dimensioni del benessere dei bambini: benessere materiale, salute e sicurezza, istruzione, comportamenti a rischio, condizioni abitative e ambientali.

L’Italia risulta al 23.mo posto per il benessere materiale, al 17.mo per salute e sicurezza, al 25.mo per l’istruzione, al 10.mo per comportamenti a rischio e al 21.mo per condizioni abitative e ambientali. Insieme agli altri Paesi dell’Europa meridionale – Portogallo, Grecia e Spagna – l’Italia si trova nella terza fascia piu’ bassa della classifica sulla poverta’ infantile relativa, con il 17% dei bambini sotto la soglia di poverta’. Questi bambini poveri sono il 31% sotto la soglia di poverta’, conferendo cosi’ all’Italia uno dei piu’ ampi divari della poverta’ infantile tra i Paesi industrializzati.

Il nostro Paese ha il piu’ alto tasso di “Neet” (in italiano “ne’-ne'”) di tutti i Paesi industrializzati, dopo la Spagna, con l’11% dei giovani che non sono iscritti a scuola, non lavorano e non frequentano corsi di formazione. Ha il tasso piu’ basso di bambini che svolgono quotidianamente esercizio fisico. Ma accanto alle ombre c’e’ anche qualche luce: abbiamo ridotto il bullismo del 60% dall’inizio degli anni 2000, tanto che siamo il Paese industrializzato che registra il tasso piu’ basso di bambini che hanno subito atti di bullismo (11%). Ha inoltre la quarta percentuale piu’ bassa per le gravidanze in eta’ adolescenziale, essendosi ridotto il tasso di fertilita’ tra le adolescenti di un terzo nel corso degli anni 2000. Ha anche il quarto tasso piu’ basso di abuso di alcol, ma si classifica al 22.mo posto per il tasso di fumo tra gli adolescenti e ha il piu’ basso tasso di mortalita’ infantile in Europa meridionale (nono posto) e il sesto tasso piu’ alto di iscrizione prescolare, alla pari con la Norvegia. In compenso, in Italia i bambini sono esposti a uno dei livelli piu’ alti di inquinamento atmosferico tra tutti i Paesi industrializzati (26.mo posto). Inoltre, l’Italia occupa il 24.mo posto per i risultati scolastici conseguiti, anche se la posizione e’ migliorata di dieci punti nel corso degli anni 2000. Occupa il 22.mo posto per la partecipazione a forme di istruzione superiore. Quando sono i bambini stessi a valutare la propria qualità di vita, in ogni caso, l’Italia risale dal 22.mo al 15.mo posto. L’Italia infine si classifica al 20.mo posto nell’auto-valutazione dei bambini dei loro rapporti con genitori e compagni di scuola.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *