Calcioscommesse. 100 partite sotto indagine

hqdefaultRoma, 23 apr – L’inchiesta su ”Scommessopoli” ha un fronte vastissimo: ”Oltre 100 partite sotto indagine, 160 persone indagate e 200 mila telefonate intercettate”. Come riporta Agipronews, e’ quanto ha detto il Procuratore della Repubblica di Cremona, Roberto di Martino, nel corso di un convegno sul match-fixing, organizzato a Roma dal sito specializzato LexGiochi.it.

Peraltro, il 70% dei giocatori scommette su partite di calcio, ha rivelato a Di Martino uno dei pentiti dell’inchiesta ”Scommessopoli”: ”Chi scommette e’ anche tentato, purtroppo, a manipolare l’esito del match – ha affermato il procuratore di Cremona – E’ una situazione molto negativa per lo sport e che si spiega anche con la mentalita’ dei calciatori, che lascia molto perplessi: quando li abbiamo interrogati sulle partite anomale, ci hanno confessato di ritenere le manipolazioni nella fase finale del campionato un ”peccato veniale”. Ritengono che sia praticamente lecito truccare le partite di fine stagione, non tenendo conto delle norme in vigore e del fatto che una squadra terza verra’ comunque danneggiata dall’accordo sottobanco”.

Angelillis (Procura Bari), confiscare beni a corrotti
”Non si puo’ punire un reato di tale gravita’ come quello della frode sportiva con pene cosi’ lievi. Le misure di carattere patrimoniale, la confisca ad esempio, sono utilissime: anche nella frode sportiva, si potrebbe confiscare un bene di valore equivalente al danno che i calciatori hanno procurato”. Come riporta Agipronews, e’ quanto ha detto Ciro Angelillis, Sostituto Procuratore della Repubblica di Bari, durante il convegno sul match fixing organizzato a Roma dalla rivista online LexGiochi.it.

”Non sempre si puo’ utilizzare l’intercettazione telefonica, che costa e invade la privacy – ha proseguito Angelillis – ma e’ difficile provare i reati senza le intercettazioni, spesso abbiamo deciso di non indagare su gare di LegaPro e c’erano comunque forti sospetti sulle gare”.

Il Procuratore ha poi sottolineato come sia da verificare anche il ruolo che giocano le societa’. ”Non possiamo tollerare scene come quella di un calciatore che, in un’intervista televisiva, ha fatto intendere come dietro le sue scelte processuali ci fosse la sua societa’. Ad esempio il Novara calcio ha fatto un contratto di consulenza con Federbet per identificare eventuali anomalie: e’ un modello organizzativo che esenta il club da responsabilita”’.

Ghirelli (Lega Pro), in Europa 42 paesi sotto attacco
”Quarantadue paesi dell’Europa sono sotto attacco”. E’ quanto ha detto Francesco Ghirelli, direttore generale della Lega Pro, nel corso del convegno sul Match Fixing. ”Le bande si sono spostate dal traffico di droga al match fixing, perche’ le pene sono molto minori.

Oltretutto, basta andare nella vicina Svizzera perche’ il reato non esista”. E – riporta l’Agimeg – sull’azioni di contrasto al fenomeno che la Lega Pro ha adottato: ”Abbiamo avviato la collaborazione con SportRadar prima dell’indagine di Cremona – che ovviamente ci da’ maggiore stimolo a andare avanti – e abbiamo tutte le nostre partite monitorate, nella stagione 2012-2013 sono piu’ di 1.100. Abbiamo favorito l’adozione di un Codice Etico e la creazione di un Integrity Office”.

Tutto questo ha permesso di passare dalle 15 partite incluse nelle indagini della procura di Cremona, alle 5 sospette nel campionato scorso (di cui una solamente con alert rosso), a nessuna segnalazione in quello in corso. La Lega Pro ha poi lavorato molto sulla prevenzione e sull’educazione: ”Abbiamo dovuto compiere una vera e propria opera di alfabetizzazione nei confronti dei giocatori e degli staff tecnici, per insegnare loro quali sono i rischi che si corrono scommettendo”. Ghirelli ha quindi evidenziato che la Lega Pro ha si serve anche della collaborazione delle Associazioni sportive: ”In ogni club abbiamo un referente sulle combine, e questo ci da’ un forte radicamento sul territorio. Oltretutto questa rete e’ stata costituita nell’arco di una settimana, a testimonianza della collaborazione che si e’ creata sul tema”.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *