Biotestamento. Cresce il consenso per la “via costituzionale”

”Sono d’accordo con il Vice Presidente del Senato, Domenico Nania, che la via costituzionale sia l’unica percorribile nell’affrontare, con concretezza ed umilta’, il tema del fine vita. Un dramma umano non deve diventare motivo di scontro di competenze tra giudici e Parlamento cosi’ come invece si e’ verificato con il caso Englaro. In quella circostanza non era compito della Consulta stabilire se la Cassazione avesse deciso bene o male; il conflitto di attribuzione dei poteri aperto dal Parlamento era inammissibile perche’ la decisione giuridica riguardava il caso singolo e non rappresentava una legge ”. Cosi’ il Professore Giovanni Maria Flick, Presidente emerito della Corte Costituzionale, durante la presentazione del libro di Nania ”Il testamento biologico. La terza via”, tenutosi ieri ”All’Ombra del Colosseo”.

Leggi tutto