Caso Melania Rea. Perquisita l’abitazione di Salvatore Parolisi

Perquisizione dei carabinieri questo pomeriggio in casa del caporalmaggiore Salvatore Parolisi a Folignano, vicino ad Ascoli Piceno. Il militare, vedovo di Melania Rea, la donna uccisa il 18 aprile scorso con 32 coltellate. Gli uomini dell’Arma hanno prelevato alcuni oggetti ed hanno poi lasciato l’abitazione. Parolisi non e’ indagato. Anche il fratello e la sorella di Salvatore Parolisi erano presenti alla perquisizione. I militari faranno certamente nuovi rilievi sugli oggetti e i materiali prelevati fino ad ora dall’appartamento, che si trova in Piazza Dari. A Parolisi, che a quanto si apprende non e’ ancora assistito da un legale, gli inquirenti hanno gia’ sequestrato il computer e numerosi effetti personali, tra cui anche un paio di scarpe (consegnate dal caporalmaggiore al termine di un interrogatorio fiume avvenuto mercoledi scorso nel napoletano).
 
Probabilmente i carabinieri stanno anche cercando gli occhiali da sole di Melania, che la donna indossava sempre e che non sono stati ancora ritrovati. Salvatore Parolisi rimane al momento il principale indiziato per l’omicidio della 29enne di Somma Vesuviana, anche se non e’ ancora ufficialmente indagato. E’ stato confermato dagli inquirenti il sequestro del computer di Salvatore Parolisi, il marito di Melania Rea, la donna trovata morta il 20 aprile scorso a Ripe di Civitella (Teramo). Il militare resta ancora persona informata sui fatti e non indagato

Intanto e’ possibile che Salvatore Parolisi venga di nuovo interrogato, nelle prossime ore, dagli inquirenti che indagano sull’omicidio della moglie Carmela Melania Rea, trovata uccisa con 32 coltellate nel Bosco delle Casermette, a Ripe di Civitella, nel teramano, il 20 aprile scorso. Oggi il caporalmaggiore dell’esercito e’ tornato nel capoluogo piceno, per assistere , insieme al fratello e alla sorella, ad un sopralluogo dei carabinieri presso la sua abitazione di Folignano, in Piazza Dari. I militari hanno prelevato diversi oggetti dalla casa dove Parolisi ha vissuto con la moglie e la figlia di 19 mesi, fino al 18 aprile scorso, data ufficiale della scomparsa della donna. Al momento l’uomo non e’ ancora indagato. Ma l’accelerazione recente delle indagini potrebbe portare ad una svolta nell’inchiesta .
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.