Esplosione in Texas, recuperati 12 corpi

hqdefaultDodici corpi senza vita sono stati estratti sinora dalle macerie delle case abbattute attorno alla fabbrica di fertilizzanti di West. Lo rende noto il Dipartimento di Sicurezza del Texas. Sono almeno 200 le persone ferite dall’esplosione.

Le autorità: tutto lascia pensare ad un incidente
Tutto lascia pensare che l’esplosione di due giorni fa alla fabbrica di fertilizzanti West Fertilizer Co. di West, in Texas, sia stato un drammatico incidente: dalle indagini non sta emergendo alcuna prova che dietro al disastro ci sia un elemento doloso. Del resto, è noto a tutti qui a West come la compagnia dell’impianto in passato sia stata accusata di aver violato diverse norme di sicurezza.

Il 28 aprile giorno di preghiera per i soccorritori eroi
Il prossimo 28 aprile tutta la comunità di West renderà omaggio ai suoi “eroi”, i soccorritori che durante la notte di due giorni fa hanno perso la vita dopo essersi lanciati per primi a spegnere le fiamme della fabbrica dei fertilizzanti appena esplosa. Da un primo bilancio, ancora non definitivo, sono rimasti uccisi 5 pompieri e un agente di Polizia. Ma ancora si scava tra le macerie delle case rase al suolo da quel terribile scoppio. Il giorno di preghiera, il ‘First Responders Day’, si terrà alla Bellmead Calvary Baptist Church, una delle tante mega-chiese che si trovano nella zona

Una comunità fondata da immigrati cechi
Tanti ragazzi oggi a West indossano una maglietta bianca, con davanti un grande cuore in cui compare una bandiera ceca, bianca, blu e rossa, che poi sono anche i colori del Texas. E sotto la scritta: “West, Texas, april 17 2013, Supporting our friends, family and fallen heroes”. L’ha creata il titolare di una panetteria, la Czeck Deli, a poche miglia dalla fabbrica della morte. Del resto, West è stata praticamente fondata da immigrati cechi, scappati a più riprese dal cuore dell’Europa per cercar fortuna in questo angolo del Texas. Si calcola che almeno il 40% di circa 3000 abitanti di questo piccolo centro, ormai totalmente evacuato, abbia origini ceche. E ovviamente molte tra le vittime dell’esplosione della fabbrica di due giorni fa, appartengono a questa comunità. Lo stesso ambasciatore ceco ieri è venuto qui a rendere omaggio alle vittime.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *