Ercolano. Si da’ fuoco in ufficio sindaco per concessione negata

hqdefault Il titolare di un negozio di fiori di Ercolano (Napoli) si è recato nell’ufficio del sindaco e, dopo avere fatto uscire i presenti minacciandoli con un coltello, si è cosparso di liquido infiammabile e si è dato fuoco. L’uomo si è poi lanciato dalla finestra. E’ morto all’Ospedale Cardarelli di Napoli.

L’uomo stamattina era andato dal sindaco di Ercolano (Napoli) per discutere della concessione di un suolo davanti al suo negozio che gli era stata negata. Dopo l’accaduto, qualcuno ha lanciato un estintore dalla finestra per dare la possibilità a qualche passante di estinguere le fiamme ma l’oggetto ha colpito una persona.

La persona colpita dall’estintore è stata costretta alle cure mediche per le ferite riportate: è stata trasportata al Loreto Mare di Napoli.

Davanti alla sede del Comune di Ercolano (Napoli) si è radunata una folla di circa 400 persone che sta urlando frasi ingiuriose (‘assassino, assassino”) all’indirizzo del primo cittadino che non è nel palazzo. Si tratta, secondo quanto si è apprende, prevalentemente di commercianti che hanno i loro negozi nei pressi della sede comunale. Molti sono gli esercizi commerciali che hanno abbassato le saracinesche in segno di protesta. La sede del Comune di Ercolano è massicciamente presidiata dalle forze dell’ordine (Carabinieri, Polizia e Polizia Municipale).

“Sono drammi estremi che rispecchiano una situazione di crisi che ormai invade tutto e tutti”. Così il Cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe ha commentato quanto accaduto ad Ercolano (Napoli) dove un negoziante si è dato fuoco ed è morto.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *