Amministrativo

Il sistema di finanziamento delle opere pubbliche nell’ambito della finanza locale

m_20150609130038Articolo di Fabio Romito.

Nell’attuale panorama economico e sociale che sempre più di consueto impone alle Amministrazioni pubbliche una considerevole contrazione della propria capacità di spesa, anche in ordine ad investimenti per opere pubbliche, appare quanto mai importante analizzare oltre alla più nota Imposta di scopo, altri particolari forme di partenariato tra pubblico e privato in grado di sopperire, almeno in parte, al ridimensionamento subito dalla finanza pubblica. Queste moderne forme di “collaborazione” sono finalizzate al finanziamento di opere pubbliche e in questo lavoro se ne analizzeranno in particolare gli aspetti di carattere normativo, avendo quale obiettivo la definizione dei contenuti e dei rapporti organizzativi che intercorrono tra la componente pubblica e quella privata.15

(altro…)

Il concetto giuridico di opera pertinenziale

Nota a T.A.R. Toscana, Firenze, Sez. III, sentenza n. 1013 del 09.06.2014 di Daniele Tramutoli

downloadOggetto del recentissimo pronunciamento in esame è un’ordinanza con la quale l’amministrazione comunale resistente ingiunge la demolizione di tutte le opere abusive realizzate dal ricorrente in qualità di proprietario di un supermercato, con il conseguente ripristino dello stato dei luoghi.

(altro…)

Il rinnovo del permesso di soggiorno secondo la Corte Costituzionale e il Consiglio di Stato: una valutazione complessa

Nota a Cons. Stato, Sez. III, Sentenza n. 2694 del 26.05.2014 di Daniele Tramutoli

permesso_soggiornoAttraverso questa recentissima sentenza la Sez. III del Consiglio di Stato puntualizza l’ambito operativo – e i relativi presupposti di applicazione – della normativa in materia di immigrazione di cui al D.lgs. n. 286/1998 (c.d. “T.U. Immigrazione”), con specifico riferimento alla tematica dell’istanza di rilascio e/o rinnovo del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.

(altro…)

Il ricorso per revocazione nel processo amministrativo: un vero e proprio “buco della serratura”

Nota a Cons. Stato, Sez. III, Sentenza n. 2596 del 20.05.2014 a cura dell’Avv. Daniele Tramutoli

177809Con riferimento all’istituto processuale “straordinario” della revocazione (cfr. artt. 395 e ss. del codice di procedura civile, nonché artt. 106 e 107 del Codice del Processo Amministrativo) il Consiglio di Stato conferma in pieno – all’interno di questa recentissima pronuncia – il granitico orientamento giurisprudenziale che limita – all’interno del sistema di giustizia amministrativa – il sopradetto mezzo d’impugnazione a casi del tutto eccezionali, in ottemperanza al (tanto auspicato!) principio della certezza del diritto.

(altro…)

Inammissibilità della condanna generica nel processo amministrativo – Articolo di Ugo Strappi

L’istituto della condanna generica ai sensi dell’art. 278 c.p.c. è pacificamente ritenuto non ammissibile nel processo amministrativo, in cui trova applicazione il diverso istituto di cui all’art. 35, comma 2, d. lgs. n. 80/98 (Cons. Stato, Ad. plen., 8 ottobre 2009 n. 5). Tale conclusione non è mutata nella giurisprudenza del Consiglio di Stato a seguito dell’entrata in vigore del codice del processo amministrativo in quanto anche nel nuovo codice non è prevista la condanna generica, ma è stato esteso a tutte le condanne pecuniarie l’istituto della (altro…)

Risarcimento per lesione di immagine della P.A. solo se vi è rilevanza penale dell’illecito amministrativo – Corte Costituzionale, Sentenza 355/2010

L’esercizio dell’azione per danno all’immagine da parte della Pubblica Amministrazione – nella specie la Procura della Corte dei conti –  é limitato ai casi e modi previsti dall’art. 7 della legge n. 97/2001 (rilevanza penale dell’illecito amministrativo).
Lo ha chiarito La Corte Costituzionale nella sentenza n. 355 depositata il 15 dicembre 2010 con cui ha dichiarato inammissibili le questioni di legittimità costituzionale sollevate dalle Regioni Calabria, Campania, Umbria, Toscana, Sicilia e Lombardia avverso l’articolo 17, comma 30-ter, periodo secondo, terzo e quarto, del decreto-legge 1° luglio 2009, n. 78 relativamente al provvedimento anticrisi del 2009, secondo cui la Procura della Corte dei conti esercita l’azione per il risarcimento del danno all’immagine nei soli casi e modi previsti dall’articolo 7 della legge 27 marzo 2001, n. 97.

Spiegano i Giudici delle leggi che il legislatore ha ammesso la proposizione dell’azione risarcitoria per danni all’immagine dell’ente pubblico da parte della procura operante presso il giudice contabile soltanto in presenza di un fatto di reato ascrivibile alla categoria dei (altro…)

Il procedimento amministrativo – Legge 241/1990

di Stefania D’Urso

La Legge 241/1990 – Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi  – è una normativa che, in armonia con l’art. 97 della Costituzione, fissa regole generali dell’azione amministrativa ispirate ai seguenti 3 principi: (altro…)

La riforma della Pubblica Amministrazione (Legge 04/03/2009 n. 15 – D.LGS. 150/2009)

di Stefania D’Urso

Sulla base della legge delega del 04 marzo 2009, n 15, in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni, definita spesso nel linguaggio comune,legge antifannulloni, è stato approvato Il D.Lgs. 27-10-2009, n. 150.
Riforma destinata a rivoluzionare il funzionamento dell’amministrazione italiana, nell’ottica dell’ aumento di produttività del lavoro pubblico.

(altro…)