Giurisprudenza

Omessi versamenti Iva: il ruolo spiana la strada al concordato

La procedura, contenuta nella legge fallimentare, costituisce causa di fondato pericolo per la riscossione, consentendo all’Amministrazione finanziaria di emettere la cartella di pagamento (Cassazione Civile, Sezione Quinta, Ordinanza 9441/2019 del 4 aprile 2019)

(altro…)

Bigenitorialità elemento essenziale non compromettibile dal giudice senza adeguata motivazione

In caso di affidamento condiviso la bigenitorialità è un elemento essenziale che non può essere compromesso dal giudice senza una adeguata motivazione. E’ questo il principio di diritto espresso dalla Suprema Corte nella Ordinanza n. 9674 dell’8 Aprile 2019, qui leggibile integralmente nell’allegato in formato pdf.

 

(altro…)

La notifica a mezzo pec si perfeziona sempre al momento della generazione della ricevuta di accettazione, anche se dopo le ore 21

La Corte Costituzionale con la sentenza n. 75/2019 del 19/03/2019 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 16-septies del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (Ulteriori misure urgenti per la crescita del paese), convertito, con modificazioni, nella legge 17 dicembre 2012, n. 221, inserito dall’art. 45-bis, comma 2, lettera b), del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari), convertito, con modificazioni, nella legge 11 agosto 2014, n. 114, nella parte in cui prevede che la notifica eseguita con modalità telematiche la cui ricevuta di accettazione è generata dopo le ore 21 ed entro le ore 24 si perfeziona per il notificante alle ore 7 del giorno successivo, anziché al momento di generazione della predetta ricevuta.

(altro…)

La cartella di pagamento non rientra nella definizione delle liti pendenti

In particolare, quella emessa per omesso o carente versamento a seguito di controllo automatizzato della dichiarazione, senza alcuna autonomia e discrezionalità da parte dell’amministrazione

————
In una fattispecie relativa all’impugnazione, per vizi propri, di una cartella di pagamento emessa ai sensi dell’articolo 36-bis del Dpr 600/1973, la Corte di cassazione, con l’ordinanza n. 7099 del 13 marzo 2019, ha rigettato l’istanza di sospensione del processo formulata dal contribuente (articolo 6, Dl 119/2018), chiarendo che la cartella di pagamento non costituisce un “atto impositivo” in senso stretto.

(altro…)

La c.d. “tempesta emotiva”. Analisi criminologia e legislativa della sentenza per l’omicidio Olga Matei

Due settimane fa i giornali titolavano, in merito all’assassino di Olga Matei, “pena dimezzata per tempesta emotiva”. Questo continuo sensazionalismo acchiappa link, non fa altro che delegittimare l’autorità ed innestare nelle persone un senso di sfiducia e di insicurezza. Cerchiamo di capire, per mezzo di un’analisi psicologica e legislativa, cosa realmente possa essere accaduto e quali sono le reali motivazioni che hanno condotto la Corte a pronunciarsi con questa formula. (altro…)

Banche. Legittima l’azione di ripetizione indebito anche se il conto corrente non è chiuso – Tribunale di Salerno, Sentenza 4321/2018

L’azione volta a recuperare le somme illegittimamente versate alla banca per l’applicazione della commissione di massimo scoperto o per l’applicazione di interessi anatocistici, oppure di interessi ultra legali non pattuiti, è sempre possibile, anche se il conto corrente sia ancora aperto. (altro…)

Sentenza Pilota del Tribunale di Salerno sulla nullità delle fideiussioni redatte sullo schema ABI

Con la sentenza del Tribunale di Salerno – Giudice Onorario dott.ssa Lucia Cammarota – n. 3016 del 23.08.2018 viene applicato, per la prima volta, il principio espresso nell’ordinanza della Cassazione n. 29810 del 12.12.2017. Nella richiamata sentenza è precisato che “la tutela effettiva per il contraente debole sotto il profilo concorrenziale trova il suo fondamento nei principi fondamentali, comunitari e costituzionali“. E dunque, che “Se è vero che qualsiasi forma di distorsione della competizione di mercato, in qualunque modo essa venga posta in essere, costituisce comportamento rilevante per l’accertamento della violazione dell’art. 2 della normativa antitrust, è inevitabile concludere che l’intero portato, a valle di quella distorsione, debba esser assoggettato alla severa scure della nullità”. (altro…)

Cassazione: Cinture di sicurezza obbligatorie anche se si è in coda

L’obbligo delle cinture di sicurezza sussiste non solo durante la normale marcia del veicolo, ma anche durante le brevi soste quando si è in coda. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (ordinanza n. 20230-18), respingendo il ricorso di un automobilista contro la sentenza del Tribunale di La Spezia che aveva confermato la multa a suo carico per il mancato uso delle cinture di sicurezza durante la guida.

(altro…)

Sequestro a struttura mista ok: il Gip deve solo indicare il totale

Nei reati di carattere tributario, la determinazione dei beni e della forma della misura cautelativa (diretta o per equivalente) può essere svolta dal pubblico ministero in sede esecutiva

È legittimo il provvedimento ablativo che presenti una struttura “mista”, prevedendo la sottoposizione dei beni in parte a sequestro diretto nei confronti della società e, in subordine, per equivalente a carico degli amministratori, nel caso in cui il sequestro diretto risulti infruttuoso o incapiente rispetto all’imposta evasa. A fornire questi importanti principi è stata la Cassazione, sezione III penale, con la sentenza 29862 del 3 luglio 2018. (altro…)

Mantenimento figlio minore: si al reato anche in assenza di stato di bisogno

Commento a Cassazione Penale 13 giugno 2018, n.27175 a cura dell’Avv. Rosalba Chiumiento

Il mancato mantenimento al figlio minore è punibile anche se lo stesso non versa in stato di bisogno, ritenendosi comunque configurata l’ipotesi di reato di cui all’art.570 bis C.p. E’ quanto statuito dalla Cassazione penale, Sez. VI, con una pregnante Sentenza del 13 giugno 2018, n.27175, che spiega la reale portata del novellato art. 570 bis C.p., introdotto dal decreto n.21 del 01 marzo 2018 ed in vigore dal 6 aprile 2018.

(altro…)

Torna all'inizio