Giurisprudenza

Sequestro a struttura mista ok: il Gip deve solo indicare il totale

Nei reati di carattere tributario, la determinazione dei beni e della forma della misura cautelativa (diretta o per equivalente) può essere svolta dal pubblico ministero in sede esecutiva

È legittimo il provvedimento ablativo che presenti una struttura “mista”, prevedendo la sottoposizione dei beni in parte a sequestro diretto nei confronti della società e, in subordine, per equivalente a carico degli amministratori, nel caso in cui il sequestro diretto risulti infruttuoso o incapiente rispetto all’imposta evasa. A fornire questi importanti principi è stata la Cassazione, sezione III penale, con la sentenza 29862 del 3 luglio 2018. (altro…)

Mantenimento figlio minore: si al reato anche in assenza di stato di bisogno

Commento a Cassazione Penale 13 giugno 2018, n.27175 a cura dell’Avv. Rosalba Chiumiento

Il mancato mantenimento al figlio minore è punibile anche se lo stesso non versa in stato di bisogno, ritenendosi comunque configurata l’ipotesi di reato di cui all’art.570 bis C.p. E’ quanto statuito dalla Cassazione penale, Sez. VI, con una pregnante Sentenza del 13 giugno 2018, n.27175, che spiega la reale portata del novellato art. 570 bis C.p., introdotto dal decreto n.21 del 01 marzo 2018 ed in vigore dal 6 aprile 2018.

(altro…)

Sicurezza stradale, stop Tutor ma i controlli continuano

Stop ai Tutor sulle autostrade. Il sistema di controllo della velocità sulle autostrade è stato ‘spento’ per effetto della pronuncia della Corte d’appello di Roma che ha rigettato l’istanza di sospensione della disattivazione del dispositivo. “Ma i controlli continueranno”, assicurano Autostrade per l’Italia e Polizia stradale, che stanno lavorando ad un nuovo sistema sperimentale da mettere in campo.

(altro…)

Adottabile il figlio della coppia delle aggressioni con acido. Martina ricorrerà alla Corte Ue

Farà “ricorso alla Corte Europea dei diritti umani” Martina Levato, la giovane condannata a 20 anni di carcere per le aggressioni con l’acido ideate dall’ormai ex amante Alexander Boettcher, dopo la decisione della Cassazione di confermare l’adottabilità del bimbo da lei partorito il 15 agosto del 2015. Lo ha spiegato il suo legale, l’avvocato Laura Cossar. (altro…)

L’avviso di accertamento sospeso non blocca la cartella di pagamento

Si tratta, infatti, precisano i giudici di legittimità, di un atto prodromico all’esecuzione del provvedimento impositivo e, quindi, in tribunale, i due viaggiano autonomamente

(altro…)

Cassazione: papà in congedo non cura figlio, ok licenziamento

Il permesso vale solo per stare con il bimbo, in mancanza si configura un abuso della buona fede

(altro…)

Cassazione: “Sequestro per le scuole a rischio sismico, anche lieve”

I terremoti non sono soggetti a “prevedibilità” e dunque i sindaci non devono opporsi al sequestro delle scuole che, anche nelle zone a “basso rischio sismico”, sono a ipotetico rischio crollo seppure per un “minimo scostamento dai parametri” di edificazione emanati nel 2008. Lo sottolinea la Cassazione accogliendo il ricorso della Procura di Grosseto contro un sindaco che ha ottenuto la riapertura di una scuola a ‘leggero’ rischio sismico, pari allo 0,985 su una scala che soddisfa a ‘1’ il parametro di sicurezza statica. (altro…)

Transfer pricing “fuori legge” anche senza risparmio di imposta

Il transfer pricing è illegittimo anche nel caso in cui non venga provato l’effettivo risparmio di imposta, perché è sempre comunque distorsivo della concorrenza. Questo, in sintesi, è il principio affermato dalla Corte di cassazione, con la sentenza n. 20805 del 6 settembre 2017.

(altro…)

La CMS va inclusa nel TEG? La Cassazione N. 12965/2016 divide i Tribunali

La Cassazione accoglie il principio di omogeneità con Bankitalia (sentenza 12965/2016) ma subito dopo (sentenza 8806/2017) si rettifica anteponendo il principio di onnicomprensività dell’art. 644 c.p – Articolo dell’Avvocato Jessica Chiavari

La rilevanza della commissione di massimo scoperto ai fini della verifica del rispetto del tasso soglia usurario rappresenta una tematica che ha generato non poche discussioni in materia bancaria1. La questione è stata analizzata dai giudici di legittimità e dalla giurisprudenza di merito dando luogo a pronunce spesso contrastanti tra loro.

(altro…)

Banca responsabile se paga a persona diversa dal prenditore un assegno contraffatto

Tribunale di Salerno, Sezione I, Sentenza 16/02/2017 – Commento dell’Avv. Francesco Cozzi.

La Banca è responsabile se paga a persona diversa dal prenditore un assegno bancario contraffatto (nella cifra, nel nominativo del beneficiario e nella sottoscrizione sul retro). E’ quanto affermato nella sentenza, qui leggibile per esteso, dalla Prima Sezione Civile del Tribunale di Salerno che ha condannato una Banca che aveva pagato un assegno contraffatto ed il cassiere non aveva adottato tutte le cautele necessarie.

(altro…)

Torna all'inizio