Giurisprudenza

Sicurezza stradale, stop Tutor ma i controlli continuano

Stop ai Tutor sulle autostrade. Il sistema di controllo della velocità sulle autostrade è stato ‘spento’ per effetto della pronuncia della Corte d’appello di Roma che ha rigettato l’istanza di sospensione della disattivazione del dispositivo. “Ma i controlli continueranno”, assicurano Autostrade per l’Italia e Polizia stradale, che stanno lavorando ad un nuovo sistema sperimentale da mettere in campo.

(altro…)

Adottabile il figlio della coppia delle aggressioni con acido. Martina ricorrerà alla Corte Ue

Farà “ricorso alla Corte Europea dei diritti umani” Martina Levato, la giovane condannata a 20 anni di carcere per le aggressioni con l’acido ideate dall’ormai ex amante Alexander Boettcher, dopo la decisione della Cassazione di confermare l’adottabilità del bimbo da lei partorito il 15 agosto del 2015. Lo ha spiegato il suo legale, l’avvocato Laura Cossar. (altro…)

L’avviso di accertamento sospeso non blocca la cartella di pagamento

Si tratta, infatti, precisano i giudici di legittimità, di un atto prodromico all’esecuzione del provvedimento impositivo e, quindi, in tribunale, i due viaggiano autonomamente

(altro…)

Cassazione: papà in congedo non cura figlio, ok licenziamento

Il permesso vale solo per stare con il bimbo, in mancanza si configura un abuso della buona fede

(altro…)

Cassazione: “Sequestro per le scuole a rischio sismico, anche lieve”

I terremoti non sono soggetti a “prevedibilità” e dunque i sindaci non devono opporsi al sequestro delle scuole che, anche nelle zone a “basso rischio sismico”, sono a ipotetico rischio crollo seppure per un “minimo scostamento dai parametri” di edificazione emanati nel 2008. Lo sottolinea la Cassazione accogliendo il ricorso della Procura di Grosseto contro un sindaco che ha ottenuto la riapertura di una scuola a ‘leggero’ rischio sismico, pari allo 0,985 su una scala che soddisfa a ‘1’ il parametro di sicurezza statica. (altro…)

Transfer pricing “fuori legge” anche senza risparmio di imposta

Il transfer pricing è illegittimo anche nel caso in cui non venga provato l’effettivo risparmio di imposta, perché è sempre comunque distorsivo della concorrenza. Questo, in sintesi, è il principio affermato dalla Corte di cassazione, con la sentenza n. 20805 del 6 settembre 2017.

(altro…)

La CMS va inclusa nel TEG? La Cassazione N. 12965/2016 divide i Tribunali

La Cassazione accoglie il principio di omogeneità con Bankitalia (sentenza 12965/2016) ma subito dopo (sentenza 8806/2017) si rettifica anteponendo il principio di onnicomprensività dell’art. 644 c.p – Articolo dell’Avvocato Jessica Chiavari

La rilevanza della commissione di massimo scoperto ai fini della verifica del rispetto del tasso soglia usurario rappresenta una tematica che ha generato non poche discussioni in materia bancaria1. La questione è stata analizzata dai giudici di legittimità e dalla giurisprudenza di merito dando luogo a pronunce spesso contrastanti tra loro.

(altro…)

Banca responsabile se paga a persona diversa dal prenditore un assegno contraffatto

Tribunale di Salerno, Sezione I, Sentenza 16/02/2017 – Commento dell’Avv. Francesco Cozzi.

La Banca è responsabile se paga a persona diversa dal prenditore un assegno bancario contraffatto (nella cifra, nel nominativo del beneficiario e nella sottoscrizione sul retro). E’ quanto affermato nella sentenza, qui leggibile per esteso, dalla Prima Sezione Civile del Tribunale di Salerno che ha condannato una Banca che aveva pagato un assegno contraffatto ed il cassiere non aveva adottato tutte le cautele necessarie.

(altro…)

La tassazione delle plusvalenze è indifferente alla nuova residenza

sentenza_corte_ueÈ la posizione espressa dalla Corte di giustizia dell’Ue chiamata a pronunziarsi su una questione pregiudiziale che riguarda una disparità di trattamento della normativa portoghese

La Commissione europea nel 2008 diffidava il governo portoghese a rispettare il principio della libertà di stabilimento, ritenuto leso dagli articoli 10 e 38 del codice dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (CIRS), per mezzo di una disparità di trattamento tra residenti e non residenti ai fini della tassazione delle plusvalenze, realizzate annualmente, mediante scambio di quote sociali operate da persone fisiche o giuridiche che si fossero trasferite medio tempore in altro Paese Ue. (altro…)

La competenza territoriale per l’avvocato che deve conseguire il pagamento dei propri compensi

5Nota a Cass. Civ. sent. n. 18264/2016

Tra le tante preoccupazioni di un legale vi è anche quello… del recupero dei propri compensi. Tratta dell’argomento, sotto il profilo della competenza territoriale e delle diverse opzioni che si profilano per l’avvocato, la sentenza numero 18.264 del 2016 della Cassazione.

La Suprema Corte, infatti, veniva investita, con regolamento di competenza, per risolvere la problematica sorta in occasione di opposizione, ad opera del debitore, al decreto ingiuntivo richiesto ed ottenuto dall’avvocato e finalizzato al recupero dei propri compensi. (altro…)

Torna all'inizio