Articoli con tag Privacy

Il consenso informato vale anche per il medico-paziente – Cassazione Civile Sentenza 20894/2012

Il consenso informato ad un intervento vale anche per il paziente medico. Lo ricorda la Cassazione, spiegando che “la finalita’ dell’informazione” su un intervento vale anche nei confronti del camice bianco “il quale sara’ libero di accettare o rifiutare la prestazione medica” con cognizione di causa. Tutt’al piu’, osserva ancora la Terza sezione civile, “la qualita’ del paziente potra’ incidere sulle modalita’ di informazione che si sostanzia in (altro…)

Anche il domicilio informatico va protetto – Cassazione Penale Sentenza 42021/2012

“Con la previsione dell’art. 615 ter cod, pen., introdotto a seguito della legge 23 dicembre 1993, n. 547, il legislatore ha assicurato la protezione del “domicilio informatico” quale spazio ideale (ma anche fisico in cui sono contenuti i dati informatici) di pertinenza della persona, ad esso estendendo la tutela della riservatezza della sfera individuale, quale (altro…)

P.A.: Garante Privacy, piu’ riservatezza su valutazione dipendenti

 Il Garante della privacy ha prescritto a un’azienda ospedaliera di adottare ogni misura idonea a garantire la piena riservatezza dei dati personali contenuti nei documenti di valutazione dei dipendenti. La decisione accoglie, in parte, il ricorso di un dirigente che si lamentava per aver ricevuto la propria scheda, in busta aperta, da personale amministrativo addetto a un’altra struttura dell’azienda. Il medico contestava all’amministrazione anche la mancata risposta alla richiesta di informazioni relative al trattamento dei propri dati personali.

Nel corso dell’istruttoria, l’azienda ha provveduto a dare sufficiente riscontro alle domande del dipendente e ha anche (altro…)

Marketing ‘selvaggio’, Garante blocca data base societa’

Il Garante della privacy ha vietato il trattamento illecito dei dati di circa un milione di persone contenuti nel data base di una societa’ che opera nel settore delle vendite per corrispondenza e del marketing diretto. La decisione e’ stata adottata in seguito agli esiti dell’attivita’ ispettiva avviata dall’Autorita’ su segnalazione di numerose persone che lamentavano di essere state disturbate con offerte commerciali indesiderate.

Nel corso dell’istruttoria, la societa’ si era difesa sostenendo che i dati utilizzati provenivano in parte da un’azienda fallita, di cui era stato lecitamente acquistato anche il database clienti, e in parte da una propria attivita’ di raccolta diretta effettuata con appositi moduli e coupon sottoscritti dalle stesse persone interessate. La societa’ affermava, tra (altro…)

Cassazione Penale – Viola la privacy dichiarare l’omosessualità di terzi senza il consenso

Fare outing, negli ultimi tempi, è diventato quasi una dichiarazione di orgoglio per chi, fra quanti vivono l’omosessualità, si sente discriminato. Attenzione perché esiste una differenza precisa fra fare outing e fare coming out: nel primo caso qualcuno rivela l’omosessualità di una terza persona, nel secondo è il singolo che decide di rivelare la sua preferenza sessuale.

L’invito a fare outing, a indicare quello che una tale persona è in fatto di scelte sessuali, è un invito che si sente ripetere in ogni dove, dalle televisioni ai dibattiti politici. Sul caso è intervenuta la Cassazione facendo notare che si può rischiare (altro…)

Privacy. Facebook spia le chat

Impossibile tenere sotto controllo un miliardo di utenti? Non per Facebook, che insoddisfatta della mole impressionante di dati pubblici che gestisce quotidianamente, tra link, foto, aggiornamenti eccetera, si è messo a caccia dicriminali nelle chat private tra i suoi iscritti. L’occhio indiscreto del social network per eccellenza non è, però, in carne e ossa, ma si tratta di un algoritmo in grado di individuare e, nel caso, prevenire possibili reati. Il sistema sarebbe programmato per intercettare parole, formule, collegamenti e indicazioni che possano alludere a un comportamento fuorilegge tra i navigatori del web.

Rientrano in quest’ottica anche le misure preventive verso i reati più truci e (altro…)

DIRITTI DELLA PERSONALITA’ – RISERVATEZZA – Cassazione Civile, Sentenza n. 19365/2011

La Corte di Cassazione, dopo aver premesso che la protezione assegnata ai dati sensibili è più forte e qualitativamente diversa da quella assegnata ai dati meramente personali, ha stabilito che la salute di un minore costituisce dato personale e sensibile e come tale tutelabile, ai sensi del codice sulla riservatezza, sia dal minore stesso sia da altre persone, come i genitori, ai quali la legge (nella specie, la n. 104 del 1992) riconosca il diritto di ottenere un beneficio come conseguenza di un obbligo di assistenza.

(altro…)

Utilizzo di Facebook come giusta causa di licenziamento. Tra provvedimenti del Garante Privacy e giudizio di merito – Avv. Samantha Mendicino

Risale a qualche anno fa il provvedimento del Garante della Privacy col quale veniva sancita l’illegittimità del monitoraggio costante e continuo effettuato dal datore di lavoro, mediante installazione di appositi software, degli accessi ad Internet da parte dei propri dipendenti. Il provvedimento all’epoca fece molto discutere e, per la dottrina più attenta, ciò non significa che sia vietata ogni forma di monitoraggio o di sorveglianza, ma che l’utilizzo di strumenti di controllo relativi all’uso illegittimo di internet da parte dei dipendenti deve essere rapportato alle (altro…)

DIRITTO DEL LAVORO E CODICE PRIVACY

Le linee guida del Garante per posta elettronica e internet (pubblicato in G.U. n. 58 del 10 marzo 2007)

Registro delle deliberazioni
Del. n. 13 del 1° marzo 2007

(altro…)

Infermiera con tbc, troppi dettagli sui media. Il Garante apre un’istruttoria

Il Garante Privacy ha aperto un’istruttoria in seguito alla pubblicazione di notizie da parte di agenzie di stampa e quotidiani – anche on line – che, nel riferire di un caso di una infermiera in servizio presso il reparto di neonatologia del Policlinico Gemelli, risultata positiva ai test sulla tubercolosi, hanno riportato il nome della donna, l’iniziale del cognome e l’età.

(altro…)

Torna all'inizio