Articoli con tag Procedimento amministrativo

Motivazione dei provvedimenti amministrativi. Consiglio di Stato Sentenza 13/05/2013

La motivazione di un provvedimento amministrativo deve essere riportata tanto per permettere il controllo del corretto esercizio del potere, tanto per conoscerne le ragioni intrinseche, ma in ogni caso il contenuto delle motivazioni non deve necessariamente sempre risultare dal testo del provvedimento, ma da questo ci si deve risalire tramite l’indicazione di pareri o deliberazioni prodromiche che ne abbiano costituito la base: ove si venga a ricadere in questo tipo di fattispecie, tali atti preliminari devono essere individuati e l’interessato posto nella possibilità di conoscerne in modo sufficientemente agevole il contenuto.

(altro…)

Esecuzione del giudicato – Consiglio di Stato Sentenza 5725/2012

sul ricorso numero di registro generale 4372 del 2012, proposto da:
Sacli S.p.A., rappresentata e difesa dagli avv. ti Vito Bellini, Maria Luisa Bellini e Giuseppe Graziosi, con domicilio eletto presso lo Studio Legale Associato Bellini in Roma, via Orazio, 3;
contro
Regione Lazio, in persona del Presidente pro tempore, rappresentata e difesa dall’avv. Rosa Maria Privitera, domiciliata presso gli uffici legali in Roma, via Marcantonio Colonna n. 27;
per la riforma
(altro…)

Codice processo amministrativo. L’erronea valutazione dei fatti non necessita di rinvio al primo giudice – Consiglio di Stato, Sentenza 4910/2011

La sentenza frutto di una erronea valutazione dei fatti deve essere riformata con effetti che non postulano, in ogni caso, il rinvio al Giudice di primo grado, in applicazione dell’art. 35 della legge 6.12.1971, n. 1034 (come trasfuso nel Codice del processo amministrativo), che tale rinvio prevede per “vizio di forma o di procedura”. In base ad una consolidata giurisprudenza, infatti, sono da ritenere attinenti al contenuto della decisione – e non identificabili quali difetti procedurali (come quelli attinenti a non corretta valutazione di sussistenza, o meno, della giurisdizione) – (altro…)

Revoca autorizzazione di custodia autoveicoli sottoposti a sequestro amministrativo – Consiglio di Stato, Sentenza n. 3615/2011

Il deposito di veicoli sottoposti a sequestro effettuato in aree prive di autorizzazione realizza una illegittima gestione del servizio pubblico a fronte della quale alcuna illogicità o travisamento è ravvisabile nell’operato dell’amministrazione che, in conseguenza di ciò, proceda alla cancellazione del gestore dall’elenco dei soggetti abilitati all’affidamento e custodia di veicoli sottoposti a sequestro amministrativo.

(altro…)

Adozione atti amministrativi per fronteggiare sovraffollamento aule scolastiche – MCP – Consiglio di Stato, Sentenza n. 3512/2011

Consiglio di Stato, Sezione Sesta, Sentenza n. 3512 del 09/06/2011

FATTO

1. Con sentenza n. 552 del 2011 il T.A.R. Lazio, in parziale accoglimento del ricorso proposto dal Codacons ai sensi del d. lgs. 20 dicembre 2009 n. 198, ha ordinato al Ministero dell’istruzione, università e ricerca scientifica,. nonché al Ministero dell’economia e delle finanze, l’emanazione, di concerto, del piano generale di edilizia scolastica previsto dall’art. 3, co. 2, d.p.r. 20 marzo 2009, n. 81 (contenente “norme per la (altro…)

Nomina di Commissario ad acta – Consiglio di Stato, Sentenza n. 3501/2011

Consiglio di Stato, Sezione Quarta, Sentenza n. 3501 del 08/06/2011

FATTO e DIRITTO

1.1.Con decreto Rep. n. 18 dd. 27 agosto 2008, il Gestore Unico del Consorzio Unico di Bacino delle Province di Napoli e Caserta , ha “rilevato che il Comune di Arienzo (Caserta) è debitore del soppresso consorzio CE3 della somma di € 1.128.352,33 per corrispettivi resi dal consorzio disciolto”.

(altro…)

Ai fini del decorso del termine di impugnazione la conoscenza dell’atto lesivo non può essere presunta – Consiglio di Stato, Sentenza n. 3458/2011

La piena conoscenza dell’attività amministrativa e della sua lesività, al fine del decorso del termine di impugnazione, non può essere affermata in via meramente presuntiva ma deve formare oggetto di prova rigorosa da parte di chi eccepisce la tardività del gravame (CdS sez. IV, 15 maggio 2008 n. 2236; 18 dicembre 2008 n. 6365). In base al generalissimo principio, secondo cui la conoscenza dell’atto, ai fini del decorso del termine per la sua impugnazione, deve essere, oltre che piena (con riferimento alla sua esistenza e lesività), anche (altro…)

Giudizio sul silenzio rifiuto ed individuazione dei controinteressati – Consiglio di Stato, Sentenza n. 3459/2011

Consiglio di Stato, Sezione Quinta, Sentenza n. 3459 del 08/06/2011

FATTO e DIRITTO

Con il ricorso in appello in epigrafe indicato il Comune di Priverno chiedeva l’annullamento o la riforma della sentenza del T.A.R. in epigrafe indicata con la quale era stato accolto il ricorso proposto dalla ditta Di Girolamo Antonio contro il silenzio tenuto dal (altro…)

SOMME A TITOLO DI EQUA RIPARAZIONE – LEGGE PINTO – Consiglio di Stato, Sentenza n. 3343/2011

Consiglio di Stato, Sezione Quarta, Sentenza n. 3443 del 07/06/2011 

FATTO e DIRITTO

Il ricorrente agisce, con atto notificato il 22.06.2010, per ottenere l’adempimento dell’obbligo del Ministero della Giustizia di conformarsi al giudicato formatosi sul decreto (altro…)

Nomina di Commissario ad acta – Consiglio di Stato, Sentenza n. 3441/2011

Consiglio di Stato, Sezione Quarta, Sentenza n. 3441 del 07/06/2011

FATTO e DIRITTO

1.1.Con decreto Rep. n. 23 dd. 27 agosto 2008, il Gestore Unico del Consorzio Unico di Bacino delle Province di Napoli e Caserta , ha “rilevato che il Comune di Mondragone (Caserta) è debitore del soppresso consorzio CE4 della somma di € 2.872.500,34.- per corrispettivi resi dal (altro…)