Trattamento illecito di dati personali. Ne risponde anche chi ne viene occasionalmente a conoscenza e li diffonde – Cassazione Penale 21839/2011

La Corte ha affermato che tra i titolari deputati, ai sensi dell’art.4 del d. lgs. n. 196 del 2003, ad assumere le decisioni in ordine alle finalità e alle modalità di trattamento dei dati personali, rientra anche colui che, senza essere “istituzionalmente” depositario della tenuta di dati sensibili, sia comunque venuto, anche occasionalmente, a conoscenza degli stessi, sicché, ove egli, indebitamente, ne faccia diffusione illecita, risponde del reato di cui all’art. 167 d. lgs. cit. (Fattispecie di indebita diffusione, attraverso una chat line pubblica, del numero di utenza cellulare altrui).

Allegato Pdf: Sentenza n. 21839 del 17 febbraio 2011, depositata il 1° giugno 2011
(Sezione Terza Penale, Presidente M. Gentile, Relatore R. Grillo)

.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *