Equitalia condannata per un pignoramento illegittimo – Cassazione Civile, Sentenza 9445/2012

È un sospiro di sollievo quello che suscita una sentenza della terza sezione della Cassazione che ha condannato un agente della riscossione Equitalia per “Danno da pignoramento illegittimo”. Se si vuole essere ironici si potrebbe dire che le ganasce questa volta le hanno messe a Equitalia. Da quando lo scorso autunno si era fatta luce sul dramma di storie di persone pignorate perché non avevano rispettato le cartelle esattoriali, in tanti hanno cercato di portare all’attenzione della politica un modus operandi dell’agenzia di riscossione che sembrava forzato e irrispettoso delle persone coinvolte. Questa volta però si è andati oltre.

L’AVVOCATO VITTIMA DI EQUITALIA – La vicenda nasce dal ricorso di un avvocato che aveva vinto un’opposizione a una cartella di pagamento riferita a sanzioni amministrative e nonostante questo si era visto notificare un avviso di mora da parte dell’ente creditore e dell’agente riscossore. Equitalia non ha esitato a procedere con l’esecuzione forzata con un pignoramento immobiliare presso lo studio legale dell’avvocato. Il professionista, pignorato davanti alla figlia e alla segretaria, non ha esitato a citare in giudizio l’ente creditore e l’agente della riscossione per danno non patrimoniale causato dalla procedura di pignoramento. La terza sezione della Cassazione ha ribaltato le precedenti pronunzie, relative al caso, emesse dalle due corti di merito che avevano escluso la risarcibilità del danno non patrimoniale (danni morali).

«LA SENTENZA È UNA SPERANZA PER I CITTADINI» – Il caso è indicativo della pervicacia con cui Equitalia ha portato avanti una pratica in maniera illegittima, visto che l’avvocato aveva già vinto l’opposizione a una cartella di pagamento riferita alle sanzioni amministrative e che aveva provveduto immediatamente a proporre un’istanza di autotutela chiedendo il contestuale annullamento con diffida ad astenersi dal compiere atti di esecuzione forzata. Evidentemente ad Equitalia non avevano prestato attenzione. Secondo Giovanni D’Agata, presidente e fondatore dello “Sportello dei diritti”, la sentenza 9445 dell’11 giugno 2012 rappresenta una speranza per molti cittadini vittima di comportamenti anche illegittimi e che di fatto impone maggiore attenzione nelle procedure di riscossione da parte della stessa società.

Simone Giancristofaro

Fonte: Il Vostro Quotidiano –  Vai all’articolo originale


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *