Cani ‘imbottiti’ di droga e poi uccisi per recuperare cocaina

poliziaMILANO, 19 MAR – Utilizzavano cani di grossa taglia come vettori della droga che importavano, imbottendoli di cocaina prima della partenza e poi uccidendoli per recuperarla.

Era questa la ‘tecnica’ di alcune gang di latinos sgominate in un’operazione contro il traffico internazionale di stupefacenti dalla Polizia di Stato di Milano: sono in esecuzione 75 ordinanze di custodia cautelare.

Gli animali utilizzati erano San Bernardo, Gran Danese, Dog de Bordeaux, Mastino Napoletano e Labrador.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *