Ricatti a luci rosse su internet

image

(ANSA) – TRENTO, 13 APR – Erano indotti da presunte ragazze a spogliarsi e compiere atti sessuali davanti alla web-cam del computer, poi venivano ricattati e costretti a versare soldi per evitare che i filmati venissero pubblicati su internet. Una decina di casi individuati in tutta Italia dalla Polizia di Rovereto che, a seguito di indagini, ha individuato il presunto estorsore, un cittadino marocchino, che avrebbe incassato 3.000 euro.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *