Tensione al San Raffaele, protesta contro licenziamenti

hqdefaultTensione stamattina all’ospedale San Raffaele di Milano tra polizia e un’ottantina di lavoratori che si fronteggiano all’accettazione bloccata dalla forze dell’ ordine dopo le occupazioni di ieri:tra i dipendenti vi sarebbero due contusi. Lo riferiscono fonti sindacali.

La situazione al momento e’ piu’ tranquilla, i due lavoratori sono stati portati al vicino pronto soccorso con un collarino. La protesta è nata dopo l’invio da parte dell’azienda di una quarantina di lettere di licenziamento, col rischio che ne giungano altre 200. ”Tenteremo ancora di entrare e occupare l’accettazione, con una forma diversa, se ci riusciamo, anche se la polizia rimarrà a presidiare probabilmente fino alle 18 di questo pomeriggio, quando l’accettazione chiuderà”. A spiegarlo e’ Daniela Rottoli, coordinatrice dell’Rsu del San Raffaele.

La decisione del sindacato di bloccare il funzionamento dell’ accettazione (dove ora sono state bloccate le porte), costringendo di fatto i colleghi che vi lavorano ad andarsene, e’ stata presa ”per dimostrare che senza quei lavoratori, come gli altri che vogliono licenziare, l’ospedale e’ destinato a fallire. Molti colleghi che lavorano in accettazione sono stati d’accordo con questa forma di protesta, altri no”.

Per ora fuori dall’accettazione c’è un centinaio di lavoratori, ”non molti di piu’ – continua Rottoli – perché non abbiamo l’autorizzazione per fare l’assemblea, ne’ più permessi, e con il ricatto delle lettere di licenziamento, molti colleghi non scendono”. I pazienti e le persone che oggi si recano all’ospedale per fare visite ed esami verranno fatti andare direttamente nei reparti di destinazione, senza farli passare per l’accettazione.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *