La retribuzione percepita per mansioni di dirigente esclusa dal computo della buonuscita

Cassazione Civile Sezioni Unite, Sentenza 10413 del 14/05/2014

images (2)Le Sezioni Unite, a composizione di contrasto, hanno enunciato il principio secondo cui, nel regime regolato dagli art. 3 e 38 del d.P.R. n. 1032 del 1973, per la determinazione dell’indennità di buonuscita dei dipendenti pubblici che non abbiano conseguito la qualifica dirigenziale, va considerato, quale base di calcolo, lo stipendio della qualifica di appartenenza e non quello corrisposto per l’esercizio temporaneo, in posizione di reggenza, delle mansioni per la superiore qualifica di dirigente.

Allegato Pdf:

Sentenza 14 maggio 2014, n. 10413
(Sezioni Unite Civili, Presidente F. Miani Canevari, Relatore G. Amoroso)


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *