Coronavirus, Oms: “10 volte più letale dell’influenza”

“Le prove fornite da alcuni Paesi ci stanno dando un quadro più chiaro di questo virus, di come si comporta, di come fermarlo e come trattarlo. Sappiamo che Covid19 si diffonde velocemente e sappiamo che è letale, dieci volte più letale del virus responsabile della pandemia di influenza del 2009”. Lo ha detto in un briefing con i giornalisti a Ginevra il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Lo sviluppo e la distribuzione di un vaccino sicuro ed efficace sono necessari per interrompere pienamente la trasmissione”, ha aggiunto.

“Sappiamo che in alcuni Paesi i casi di Covid19 raddoppiano ogni tre/quattro giorni”. Mentre la diffusione del virus “accelera molto rapidamente, si riduce molto lentamente. In altre parole il calo è molto più lento dell’aumento”.

La fine delle restrizioni decise nelle settimane scorse nell’ambito della lotta alla pandemia di coronavirus “dovrebbero essere basate anzitutto sulla protezione della salute umana e guidate da quello che conosciamo sul coronavirus e su come si comporta”, ha aggiunto.

“Come abbiamo detto molte volte prima – ha sottolineato – questo è un virus nuovo ed è la prima pandemia causata da un coronavirus. Stiamo tutti imparando e aggiustando la nostra strategia, sulla base delle ultime prove disponibili. Possiamo solo dire quello che conosciamo e possiamo solo agire sulla base di quello che conosciamo”.

“Lo sviluppo e la distribuzione di un vaccino sicuro ed efficace sono necessari per interrompere pienamente la trasmissione” del coronavirus, ha poi ribadito l’Oms nel briefing a Ginevra.

“Le mascherine non sono alternative al lockdown”, ha poi chiarito il direttore esecutivo dell’Oms, Mike Ryan, in un briefing a Ginevra, parlando del ritorno della gente al lavoro. “Non vogliamo che le persone debbano fare scelte difficili, pensando che indossare la mascherina sia la stessa cosa che stare a casa e riferire alle autorità che sei malato. E’ qualcosa a cui prestare attenzione”.

In ogni caso domani l’Organizzazione mondiale della sanità pubblicherà la strategia aggiornata “per sostenere i Paesi” nelle loro decisioni sulla revoca delle restrizioni, una strategia che riassume “quello che abbiamo imparato e come procedere”. Strategia che terrà conto di “sei criteri: la trasmissione del virus deve essere controllata, i sistemi sanitari devono essere in grado di rilevare, testare, isolare e trattare ogni caso di Covis19 e tracciare ogni contatto, i rischi di diffusione dell’epidemia in strutture come le case di cura devono essere ridotti al minimo, devono essere adottate misure di prevenzione nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli altri posti dove devono recarsi le persone, bisogna essere in grado di gestire i casi importati, e serve piena consapevolezza da parte delle comunità nell’adeguarsi alle ‘nuove norme'”.

Fonte Adnkronos


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *