Il 1 maggio al tempo del coronavirus: nel mondo 1,6 miliardi di persone rischiano di perdere il lavoro

di Alessandra Fabbretti – Secondo le stime dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (Ilo), la metà della forza lavoro informale del pianeta rischia la propria occupazione


ROMA – La meta’ dei lavoratori del mondo rischia di perdere la propria occupazione a causa degli effetti della pandemia di Covid-19. A dare l’allarme e’ l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo).

L’agenzia delle Nazioni Unite sostiene che a essere colpiti dalla crisi saranno ben 1,6 miliardi di persone impiegate nell’economia informale, pari alla meta’ dei lavoratori nel mondo.

Ogni Paese ha la sua quota di lavoratori “in nero”, o che svolgono lavori “alla giornata”. Un fenomeno che riguarda pero’ maggiormente i Paesi in via di sviluppo, dove le economie sono poco diversificate, il livello di istruzione e’ mediamente piu’ basso e il tasso di disoccupazione piu’ alto. Si parla dei piccoli commercianti di strada, degli autisti, delle guide improvvisate.

Ci sono poi i lavoratori edili, i braccianti nelle aziende agricole, gli aiuti domestici, gli operai nelle fabbriche. Tutte figure fondamentali ma spesso precarie e a cui non vengono riconosciuti diritti e tutele.

Guy Ryder, direttore generale dell’Ilo, ha denunciato: “Per milioni di lavoratori nessun reddito significa niente cibo, nessuna sicurezza e nessun futuro. Milioni di attivita’ commerciali in tutto il mondo riescono a malapena a sopravvivere”.

Questo accade perche’ spesso “non hanno risparmi ne’ accesso al credito”. Secondo Ryder, “questi sono i veri volti del mondo del lavoro” e “se non li aiutiamo ora semplicemente moriranno”.

La pandemia non solo colpisce i lavoratori, autonomi o dipendenti, ma anche le imprese, che rischiano di chiudere, con conseguenti licenziamenti che vanno ad ingrossare le file dei disoccupati.


Fonte Agenzia Dire – www.dire.it


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *