Carceri: il 20% dei detenuti lavora, ma solo in 324 lo fanno fuori

Sono 14.116 i detenuti, reclusi in carcere, che lavorano alle dipendenze dell’amministrazione penitenziaria. Solo 324 di loro hanno un impiego ”extramurario”. In sostanza ha un’occupazione poco piu’ del 20% della popolazione detenuta. Solo il 14,58% lavora per un datore privato, estraneo all’amministrazione penitenziaria. In 630, pari al 4,46% dei reclusi, svolgono attivita’ agricole. Gli altri sono impiegati soprattutto in attivita’ di falegnameria, sartoria, legatoria, lavanderia, assemblaggio di componenti, pasticceria e realizzazione di oggetti in legno o altri materiali. I dati sono stati forniti dal Dap al Salone della Giustizia in corso a Rimini.

Nell’ottobre del 2009 il Dap ha registrato il marchio ‘Sigillo’ che connota le attivita’ imprenditoriali delle persone detenute, finalizzate ”al pieno recupero delle loro capacita’ produttive per un sereno e proficuo reinserimento sociale”. I dati alla fine dello scorso ottobre sulle presenze in carcere parlano di 68.795 persone detenute.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *