Differenza tra domanda di ingiustificato arricchimento e di adempimento contrattuale nell’opposizione a decreto ing. – Cass. Sez. Unite, 26128/2010

Nel risolvere un contrasto di giurisprudenza, le Sezioni Unite hanno affermato che la domanda di ingiustificato arricchimento è diversa rispetto a quella di adempimento contrattuale, perché diversi sono i fatti giuridicamente rilevanti posti a rispettivo fondamento e diverso è il bene giuridico perseguito. Ne consegue che, nel giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo, al creditore opposto è consentita la sua proposizione soltanto se tale esigenza nasca dalle difese dell’ingiunto-opponente contenute nell’atto di opposizione a decreto ingiuntivo e purché la relativa domanda sia proposta – a pena di inammissibilità rilevabile d’ufficio – nella comparsa di costituzione e risposta della parte opposta.

Allegato Pdf: Sentenza n. 26128 del 27 dicembre 2010 
(Sezioni Unite Civili, Presidente P. Vittoria, Relatore R. Vivaldi)


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *