Lavoro: i precari domani in piazza. Aderiscono Cgil e opposizione

In piazza per gridare ”la nostra esistenza” e ”il desiderio non piu’ rinviabile di vivere la nostra vita”: gli eterni giovani senza diritti e certezze si preparano a rivendicare che ”il nostro tempo e’ adesso. La vita non aspetta”. Con questo slogan – che e’ anche il nome del comitato promotore – i precari, i disoccupati, il popolo delle partite Iva, gli studenti, gli stagisti, i ricercatori, i free lance sfileranno per le strade delle citta’ italiane e non solo, per riprendersi – e’ il loro diktat – il presente, ancor prima del futuro, ed il Paese, partendo dal lavoro.

E dalla richiesta al premier Silvio Berlusconi di ”farsi da parte”: ”Ci ha umiliati e trascinati in un baratro di poverta’ e disoccupazione”, dicono, non avendo fronteggiato la crisi. Con loro in piazza ci sara’ la Cgil, ma anche il comitato ‘Se non ora quando’ (protagonista delle manifestazioni da un milione di persone del 13 febbraio scorso per rivendicare la dignita’ delle donne) ed il fronte dell’opposizione: Pd, Idv, Verdi, Pdci-Federazione della sinistra hanno dato la propria adesione all’iniziativa, nata dal passaparola tra la ‘generazione precaria’, come si definisce, e dal tam tam sulla rete.

Al fianco dei giovani la Cei: ”Il precariato lavorativo sia solo una fase transitoria”, ammonisce il presidente della Conferenza episcopale italiana, cardinale Angelo Bagnasco, per aprire le porte ad un lavoro ”a tempo indeterminato” e ”dare anche la possibilita’ di un futuro, di un progetto di vita”. Loro, i precari, chiedono un Paese diverso che ”permetta a tutti – scandiscono nell’appello – di studiare, di lavorare, di inventare” e che, quindi, ”investa sulla ricerca e sulle giovani generazioni, invece di relegarle ai margini del sistema produttivo, mortificandone le competenze e cancellando ogni possibilita’ di realizzazione personale”. Sara’ una grande giornata di mobilitazione, sostengono gli stessi promotori dell’iniziativa, che riunisce le piu’ disparate realta’ tra associazioni, reti sociali, sconosciuti e personaggi famosi (Ascanio Celestini, Dario Vergassola, Dario Fo, Margherita Hack, Sabina Guzzanti, Subsonica sono solo alcuni dei nomi che figurano tra le adesioni raccolte): ci sono gli operatori dello spettacolo, chi lavora nei call center, gli archeologi, i giornalisti precari ed anche i giovani imprenditori.

Sono ”oltre 2 milione i Neet in Italia, ovvero i giovani che non studiano non lavorano e non si formano; sfiora il 30% la disoccupazione giovanile”, sottolinea Salvo Barrano, archeologo free lance tra i 14 promotori della manifestazione. Tra loro anche Ilaria Lani, responsabile Politiche giovanili della Cgil: ”Siamo in una condizione di stabile precarieta”’ che coinvolge gia’ ”due generazioni di lavoratori segnati da contratti a termine, senza diritti e con retribuzioni da fame. Domani saremo in piazza per porre all’attenzione dell’agenda pubblica il tema dei giovani. Servono risposte adesso”. Tante le iniziative organizzate nelle principali citta’: da Napoli a Torino, da Milano a Bologna sino a Palermo, passando per Roma e arrivando anche a Washington e Bruxelles. Nella capitale e’ in programma una ‘Street parade’ che confluira’ al Colosseo, cui partecipera’ anche il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso che gia’ con un videomessaggio e’ scesa in campo con i giovani e contro la politica del tempo scaduto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *