Lecito pubblicare annunci di escort sul web – Cassazione Penale, Sentenza n. 4443/2012

Non è reato inserire sul web le inserzioni a favore delle escort. Lo ha sottolineato la Cassazione annullando senza rinvio “perché il fatto non sussiste” una condanna ad un anno di reclusione nei confronti di Nicola M. che telefonava alle escort interessate a fare inserzioni sul web per vendere loro le ‘top list’ dopo essersi fatto inviare dalle interessate per email le fotografie.

Secondo la suprema Corte chi “si limita a pubblicare gli annunci pubblicitari delle prostitute su un sito web” deve essere equiparato a quanti “pubblicano annunci pubblicitari del genere su molti quotidiani svolgendo un normale servizio svolto a favore della persona che esercita il meretricio e non della prostituzione”. Un giudizio che non aveva condiviso né il Tribunale di Gorizia né successivamente la Corte di Appello di Trieste che, nel febbraio 2011, aveva condannato l’inserzionista Nicola M. ad un anno di reclusione e a 400 euro di multa con la sospensione condizionale della pena per la pubblicazione sul sito Bakeka di annunci di genere erotico.

Nei due gradi di giudizio precedenti Nicola M. era stato condannato per avere agevolato l’esercizio della prostituzione. Ora la terza sezione penale (sentenza 4443) ha accolto il suo ricorso con assoluzione piena. Un comportamento del genere, ribadisce la Cassazione, non è reato, bensì si è passibili di condanna “nel caso in cui alla attività di mera pubblicazione si aggiunga una cooperazione tra soggetto e prostituta, concreta e dettagliata, al fine di allestire la pubblicità della donna che si offre per incontri sessuali, evidentemente per rendere più allettante l’offerta e per facilitare l’approccio con un maggior numero di clienti”. Tutte situazioni che in questo caso non si sono verificate visto che l’uomo “si è limitato a ricevere l’annuncio corredato da foto di escort e ha svolto un semplice servizio a favore di queste e non della prostituzione”.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Un pensiero riguardo “Lecito pubblicare annunci di escort sul web – Cassazione Penale, Sentenza n. 4443/2012

  • 22 Giugno 2012 in 18:25
    Permalink

    Salve a tutti, sono il titolare di un portale per acocmpagnatrici, e trovo questa sentenza ridicola, io vedno pubblicita e solo quello, non affitto appartamente, non sfrutto le ragazze o le trans, pago le tasse, ho partita iva, emetto ricevuta fiscale e contribuisco alla crescita del paese sopratutto in questo momento di crisi.
    Ma… non posso che farvi notare l’assurdita di questa sentenza, perchè ci vieta di fatto di fare le foto e i video alle ragazze, in quale modo potrebbe essere reato?, a mio avviso penalizza la mi azienda e tutti noi cittadini, in quanto se potessimo fare le foto daremmo un servizio completo all’inserzionista, aumentando il fatturato e di conseguenza le tasse che pagheremo.
    Inoltre se da una parte ci autorizzano a pubblicare annunci per le meretrici, dall’altro ci vietano di fare il nostro lavoro offrendo anche il servizio fotografico che a mio avviso è parte integrante della attivita pubblicitaria. Questo è il mio portale, lo allego per vostro controllo, ocme potete vedere in alto a destra cè il mio umero di telefono italiano, e sotto nella parte bassa la partita iva dell’azienda, tutto alla luce del sole, peccato che le foto non ce le fanno fare.
    Rimane un mistero il motivo, non riesco a capire cosa cambia riguardo alla prostituzione se non il fatto di fare perdere denari a noi come azienda e a tutti i cittadini in tasse che pagheremmo molto volentieri, inoltre l’annuncio rimane lo stesso, solo con foto piu’ brutte.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *