Diffamazione. Il Senato boccia il Ddl “Sallusti”. Resta il carcere per il direttore

Bocciato dal Senato l’articolo 1 del ddl Sallusti (voto segreto, 123 contrari, 29 favorevoli, 9 astenuti)  nel giorno in cui il direttore del Giornale, Alessandro Sallusti, condannato in via definitiva a 14 mesi di reclusione, ha ricevuto l’ordine di arresto (ai domiciliari) dalla Procura di Milano, ed è caduta quindi anche simbolicamente la motivazione per l’iter accelerato che in origine il presidente del Senato Schifani aveva caldeggiato per il ddl promosso da Vannino Chiti del Pd e Maurizio Gasparri del Pdl.

Nel provvedimento della procura, su cui dovrà decidere il giudice, si spiega che il domicilio idoneo indicato da Sallusti è quello di Daniela Santanchè.

E’ stato proprio Gasparri a recitare il de profundis alla riforma chiamando il Pdl a non partecipare al voto, dopo un ultimo disperato tentativo del suo vice Gaetano Quagliariello, che aveva preso la parola in aula per chiedere invano al Pd di rinunciare al voto segreto sull’articolo 1.

Troppo severo per alcuni, con le pene pecuniarie elevate fino a 50mila euro, troppo tenue per altri, opinioni che nel segreto del voto avrebbero potuto somarsi e affondare un provvedimento per il quale Gasparri si era battuto a lungo, cercando un compromesso con il Pd poi saltato due settimane fa per via di un altro voto segreto: quello sull’emendamento della Lega nord che aveva reintrodotto il carcere per i giornalisti, sia pure fino a un anno (la legge vigente prevede sei anni come pena massima) e solo come alternativa alla multa.

Nell’esito della discussione parlamentare Gasparri ha ravvisato, dopo la sua ritirata strategica in aula, la vittoria del “fronte del carcere”. Ma ha ribadito che a suo giudizio è stato giusto procedere sull’onda del caso concreto del giornalista condannato: “Del resto – ha commentato – i magistrati, arrestando Sallusti ‘ma non troppo’, hanno dimostrato la giustezza della nostra battaglia”.

Soddisfatta la Fnsi, che dopo la minaccia rientrata dello sciopero ha confermato la fiaccolata di protesta “anche come momento di ringraziamento per chi si è battuto contro una legge assurda e pericolosa”. Soddisfatto anche il presidente dell’Ordine dei giornalisti Enzo Iacopino, che tuttavia, facendo notare che è rimasta in vigore “la vecchia legge, che è brutta”, ha lanciato un appello perché, “fra una legge a favore delle banche e una per le assicurazioni” se ne faccia “anche una per garantire ai cittadini il diritto a un’informazione libera”.

Fonte: Agi


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *