Via libera al Def da Senato e Camera

hqdefaultIl Senato ha approvato la relazione di maggioranza al Def con 209 voti favorevoli, 58 contrari e 19 astenuti. Lo ha detto il presidente di turno Maurizio Gasparri. La risoluzione è stata presentata da Luigi Zanda (Pd), Renato Schifani (Pdl), Gianluca Susta (Scelta civica), Mario Ferrara (Gal) e dal gruppo Autonomie. La Lega si è astenuta.

Non sono state messe ai voti le risoluzioni presentate da M5S e da Sel. Per oggi pomeriggio è atteso anche il via libera della Camera. La risoluzione di maggioranza al Def impegna il governo ad attuare gli interventi prioritari per il Paese, a riconsiderare il quadro di finanza pubblica nel biennio 2013-2014 nel rispetto degli impegni Ue, a presentare a Bruxelles il programma di stabilità e il programma nazionale di riforma, oltre che favorire la chiusura positiva della procedura per deficit eccessivo.

Via libera della Camera al Documento di economia e finanze. Il Def ha ottenuto 419 sì, 153 no. Gli astenuti sono stati 17. “Solo per disciplina di gruppo voterò a favore della risoluzione di maggioranza sul DEF. Il testo della Camera è un cattivo esempio della cosiddetta ‘pacificazione’, un mascheramento di ciò che in modo esplicito si afferma nel testo stampato della Camera come in quello del Senato e che per quel che mi riguarda non è condivisibile”. Lo afferma in una nota Rosy Bindi (Pd) che si chiede “come si può parlare di efficace azione di risanamento svolta negli anni della crisi dai governi Berlusconi e Monti? Se non ricordo male – aggiunge – Monti venne chiamato in servizio per far fronte al mancato risanamento dei conti pubblici provocato dall’azione del governo Berlusconi. Se sostenere insieme al Pdl il governo Letta significa riscrivere la storia per assolvere Berlusconi dalle sue responsabilità politiche – conclude – sarà l’ultima volta che mi adeguerò alle indicazioni del gruppo”.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *