Papa Francesco: no a lavoro minorile, agire contro sfruttamento

Papa Francesco ha lanciato oggi un appello contro la ”piaga” del lavoro minorile e contro lo ”sfruttamento dei bambini nel lavoro domestico”, ”un deprecabile fenomeno in costante aumento specialmente nei Paesi poveri”, e ha auspicato ”vivamente” ”provvedimenti ancor piu’ efficaci” della comunita’ internazionale.

”Oggi si celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale contro il lavoro minorile – ha detto il papa al termine dell’udienza generale -, con un riferimento particolare allo sfruttamento dei bambini nel lavoro domestico: questo e’ un deprecabile fenomeno in costante aumento, specialmente nei Paesi poveri”. ”Sono milioni i minori, per lo piu’ bambine – ha continuato il Pontefice -, vittime di questa forma nascosta di sfruttamento che comporta spesso anche abusi, maltrattamenti e discriminazioni”.

”E’ una vera schiavitu’ questa”, ha sottolineato. ”Auspico vivamente – ha proseguito Bergoglio – che la Comunita’ internazionale possa avviare provvedimenti ancora piu’ efficaci per affrontare questa autentica piaga”. ”Tutti i bambini devono poter giocare, studiare, pregare e crescere nelle proprie famiglie, e questo in un contesto armonico, di amore e serenita”’, ha aggiunto. ”Questa gente invece di farli giocare li fa schiavi, e’ una piaga questa”, ha detto ancora il Pontefice, secondo cui per i bambini crescere serenamente ”e’ un loro diritto e un nostro dovere”. Per papa Francesco, ”una fanciullezza serena permette ai bambini di guardare con fiducia verso la vita e il domani”. ”Guai a chi soffoca in loro lo slancio gioioso della speranza!”, ha concluso.


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *