Necessità del consenso per il test genetico preduttivo – Cassazione 21014/2013

La Prima Sezione Civile ha affermato che, al fine di svolgere un test genetico predittivo, seppur volto ad accertare la consanguineità per valutare il promovimento di azione di disconoscimento della paternità, è sempre necessario il consenso preventivo dell’interessato.

Allegato Pdf
Cassazione Sentenza 13 settembre 2013 n. 21014
(Sezione Prima Civile, Presidente M.G. Luccioli, Relatore M. Acierno)


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *