FALLIMENTO – SENTENZA DICHIARATIVA – RECLAMO – ENUNCIAZIONE DI SPECIFICI MOTIVI DI RICORSO – NECESSITÀ. – Cassazione Civile, Sentenza 22110/2010

IMPUGNAZIONE ALLA CORTE D’APPELLO EX ART. 18 LEGGE FALL. DOPO IL D.LGS. N. 169 DEL 2007 – SOSTITUZIONE DELL’APPELLO CON IL RECLAMO – CONSEGUENZE – REVOCA DELLA SENTENZA PER RAGIONI NON ENUNCIATE NEL RICORSO – PRECLUSIONE – FONDAMENTO.

Anche a seguito della sostituzione dell’appello con il reclamo, quale introdotto dal d.lgs. n. 169 del 2007, tale mezzo di impugnazione della sentenza dichiarativa di fallimento circoscrive il thema decidendum alle sole ragioni di critica della sentenza e circostanze di fatto specificamente rimesse al giudizio della corte d’appello, oltre a quelle, rilevabili d’ufficio, che ne costituiscano l’antecedente logico e su cui non sia intervenuta la pronuncia del tribunale, così in tali limiti realizzandosi l’effetto devolutivo del predetto gravame.

Sentenza n. 22110 dell’28 ottobre 2010
(Sezione Prima Civile, Presidente V. Proto , Relatore R. Rordorf)


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *