L’assegno di mantenimento non può essere autoridotto dal coniuge separato – Cassazione Penale, Sentenza n. 5752/2011

Il coniuge separato non può decidere unilaterlamente di ridurre l’assegno dovuto all’ex. in quanto  soltanto la comprovata incapacità di far fronte all’impegno, consente di diminuire l’importo. Viola gli obblighi di assistenza familiare chi, in assenza di una prova di indigenza o di impossibilità a rispettare la cifra pattuita, non ottempera a quanto stabilito dal giudice in sede di separazione.

Acquista il testo integrale della sentenza a soli € 7,50
Cassazione Penale, Sezione Sesta, Sentenza n. 5752 del 15/02/2011

(il documento, in formato Pdf, viene inviata via email subito dopo l’acquisto su server sicuro)

.

(Litis.it, 17 Febbraio 2011)

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.