Inesistente la notifica della cartella eseguita direttamente da Equitalia

Tribunale di Ascoli Piceno, Sezione Civile, Sentenza 11/03/2014

EquitaliaCondividendo l’orientamento della giurisprudenza di legittimità e di merito formatasi in proposito, anche Il Tribunale di Ascoli Piceno ha ritenuto che la notifica della cartella eseguita direttamente da Equitalia senza l’intermediazione di un ufficiale della riscossione è inesistente, con conseguente perdita della potestà impositiva. La possibilità di notificare la cartella mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento, dunque, va riferita sempre agli ufficiali della riscossione o ad altri soggetti abilitati i quali possono avvalersi del servizio postale, mentre sono del tutto irrituali e, quindi, illegittime, le notifiche postali eseguite direttamente dall’Agente della riscossione.

Tribunale di Ascoli Piceno, Sezione Civile, Sentenza 11/03/2014

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI ASCOLI PICENO

Il G.O.T., Avv. Tiziana D’Ecclesia, all’udienza dell’11 marzo 2014 ha pronunciato mediante lettura del dispositivo la seguente

SENTENZA

nella causa iscritta al n…….del ruolo generale affari contenziosi di lavoro dell’anno 2010 avente per oggetto “opposizione cartella esattoriale”, promossa

DA…………..elettivamente domiciliato in Ascoli Piceno – Via ……. n………presso e nello studio dell’Avv………. che lo rappresentano e difendono anche disgiuntamente, come da procura a margine del ricorso;

opponente

CONTRO

DIREZIONE TERRITORIALE DEL LAVORO  di Ascoli Piceno………………in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in Ascoli Piceno, presso la sede dell’Ufficio – via………rappresentato e difeso come in atti;

opposto

e contro

Equitalia Marche S.p.A. – Agente della riscossione dei tributi per la Provincia di Ascoli Piceno, in persona dell’Amministratore delegato p.t., elettivamente domiciliata in Ascoli Piceno ………. presso e nello studio dell’Avv. ………………dal quale è rappresentata e difesa giusta procura in atti;

CONCLUSIONI DELLE PARTI: come in atti.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con ricorso al Tribunale di Ascoli Piceno, il ricorrente proponeva opposizione avverso la cartella di pagamento n…………notificata in data 14/05/2010 da Equitalia Marche S.p.A. – Agente della riscossione per la Provincia di Ascoli Piceno, con la quale veniva richiesto il pagamento della somma complessiva di €.10.772,05, afferenti importi iscritti a ruolo a seguito di notifica di ordinanze – ingiunzioni della Direzione Provinciale del Lavoro. Chiedeva, all’esito del giudizio, il favore delle spese.

Partecipava al giudizio la Direzione Territoriale del Lavoro nonché la Equitalia Marche S.p.A., resistendo entrambi con memoria e chiedendo il rigetto dell’opposizione.

In esito alla fase di trattazione, a seguito di discussione sulla eccezione preliminare sollevata dall’opponente di inesistenza/nullità della notifica della cartella de quo in quanto avvenuta a mezzo di soggetto diverso da quello abilitato, il giudice emetteva sentenza come da dispositivo, letto in udienza.

MOTIVI DELLA DECISIONE

L’opposizione è fondata e va, quindi, accolta.

Va, preliminarmente, osservato come la questione controversa sia se l’ausilio del servizio postale possa essere utilizzato direttamente dal concessionario o se, invece, ci si debba necessariamente servire della intermediazione di un ufficiale della riscossione.

All’uopo si evidenzia che, condividendo l’orientamento della giurisprudenza di legittimità e di merito formatasi in proposito, si ritiene che la notifica della cartella eseguita direttamente da Equitalia senza l’intermediazione di un ufficiale della riscossione è inesistente, con conseguente perdita della potestà impositiva. Per cui la possibilità di notificare la cartella mediante invio di raccomandata con avviso di ricevimento va riferita sempre agli ufficiali della riscossione o ad altri soggetti abilitati i quali possono avvalersi del servizio postale, mentre si ritengono illegittime le notifiche postali eseguite direttamente dall’Agente della riscossione.

E ciò ha come presupposto il rispetto delle forme di notifica prescritte dall’art.60 del DPR n.600/73 richiamato dall’art.26 del DPR n.602/73, il quale dovrà essere rispettato in toto, anche nella prima parte in cui è specificato che la cartella è notificata dagli ufficiali della riscossione o da altri soggetti abilitati, mentre sono illegittime le notifiche per posta eseguite direttamente dall’Agente della riscossione.

Quindi, l’Equitalia nel caso di specie ha violato il modello procedimentale compiutamente delineato dal legislatore, commettendo una grave violazione, vertendosi in tema di atti che incidono sulla sfera patrimoniale del cittadino, tutelata dalla Costituzione all’art.23 anche in fase esecutiva, con conseguenze che i fatti storici hanno mostrato possano rivelarsi anche particolarmente tragiche.

Si precisa che con l’orientamento sopra espresso non si vuole disconoscere il principio di cui all’ordinanza della Suprema Corte n.15948 del 26/05/2010 afferente esclusivamente alle conseguenze giuridiche della omessa redazione della relata di notifica finalizzata all’identificazione del soggetto ricevente, la cui non identificabilità è causa di nullità sanabile ai sensi dell’art.156 cpc

Diversa, invece, è l’ipotesi in cui la notifica è stata eseguita da un soggetto non abilitato dalla legge: in questo caso, come il caso di specie, la notifica risulterà inesistente, potendo essere considerata mera comunicazione.

L’opposizione va, dunque, accolta, con dichiarazione di inesistenza della notifica della cartella esattoriale opposta.

In considerazione del conflitto giurisprudenziale, si rinvengono giusti motivi per la compensazione delle spese di lite.

P.Q.M.

IL TRIBUNALE IN FUNZIONE DI GIUDICE MONOCRATICO

definitivamente pronunziando, ogni ulteriore o difforme istanza assorbita o disattesa, così provvede:

a) In accoglimento della proposta opposizione, dichiara inesistente la notifica della cartella di pagamento n…………..opposta;

b) spese compensate tra le parti.

Ascoli Piceno, lì 11/03/2014

IL G.O.T.

                                         ​ (Avv. Tiziana D’Ecclesia)

 


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *