Pubblico impiego: la domanda del dipendente a tempo determinato che rivendica il medesimo trattamento retributivo previsto per quello a tempo indeterminato soggiace al termine quinquennale di prescrizione ex art. 2948, nn. 4 e 5, c.c.

Nell’impiego pubblico contrattualizzato, la domanda con la quale il dipendente assunto a tempo determinato, invocando il principio di non discriminazione nelle condizioni di impiego, rivendica il medesimo trattamento retributivo previsto per l’assunto a tempo indeterminato soggiace al termine quinquennale di prescrizione previsto dall’art. 2948, nn. 4 e 5, c.c., che decorre, anche in caso di illegittimità del termine apposto ai contratti, per i crediti che sorgono nel corso del rapporto lavorativo, dal giorno della loro insorgenza, e per quelli che si maturano alla cessazione del rapporto, a partire da tale momento.

Corte di cassazione, sezione lavoro, 28 maggio 2020, n. 10219 (Eius.it)


Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *