Si rischia una accusa per stalking se si danneggiano gli oggetti della ex fidanzata – Cassazione Penale, Sentenza n. 8832/2011

Una serie ripetuta di danneggiamenti sui beni della ex fidanzata, che si riflettono sull’equilibrio emotivo della vittima configurano un comportamento persecutorio idoneo ad essere inquadrato nell’evento di cui all’art. 612 bis cod. pen., la cui sussistenza non dipende dall’accetamento di uno stato patologico, rilevante solo nell’ipotesi di concorso formale di ulteriore delitto di lesioni. Il reato di stalking non può essere ricondotto in una ripetizione dell’art. 583 cod. pen. – lesioni -, il cui evento è configurabile sia come malattia fisica che come malattia mentale e psicoligica – ma è sufficiente che gli atti ritenuti persecutori abbiano effetto destabilizzante della serenità e, quindi, dell’equilibrio psicolgico della vittima.

(Litis.it, 9 Marzo 2011)

Allegato Pdf: Cassazione Penale, Sezione  Quinta, Sentenza n. 8832 del 07/03/2011
(Presidente, Calabrese – Relatore, Bevere)

.

.

Litis offre un servizio gratuito. Aiutaci con una donazione libera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *